Abruzzo . Una casa in un piccolo paese montano nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise , per molti sarà un sogno, vivere immersi nella natura forte e gentile d'Abruzzo tra boschi e cime innevate . Da oggi, a dir la verità già da qualche tempo, questo sogno è diventato più realizzabile ed anche piuttosto economico .

Il Comune di Lecce nei Marsi , circa 1700 abitanti, nella provincia de L'Aquila , infatti, ha messo in vendita un bel po di case e terreni al prezzo simbolico di 1 solo euro, per tentare di rilanciare e valorizzare il piccolo centro vittima di un significativo spopolamento da inizio secolo , ma divenuto ancora più evidente dopo il terremoto che ha colpito L'Aquila e il circondario nel 2009 , tanto che i dati dell'ultimo censimento parlano di 26 abitanti per Km quadrato.

Il Comune funge da intermediario nelle compravendite  con il prezzo fissato ad 1 euro , tra i proprietari che hanno già donato le proprietà , quasi tutte abbandonate , e i nuovi potenziali acquirenti , questi ultimi , però, dovranno assumersi gli oneri di ristrutturazione .

Lecce nei Marsi non è il primo comune ad adottare questo espediente per rilanciare il proprio territorio, in Italia questo esperimento è stato già attuato in altri piccoli centri come di Salemi (Trapani), Gangi (Palermo) e Carrega Ligure (Alessandria)