Bonus Spesa 2023, supermercati che aderiscono al bonus spesa, scopri come richiedere la social card

Foto dell'autore

By Emilio Parodi

Bonus Spesa 2023, supermercati che aderiscono al bonus spesa, scopri come richiedere la social card

A partire dal 1° ottobre, circa 25.000 grandi supermercati in Italia daranno il via al trimestre anti-inflazione, offrendo sconti sulla spesa fino al 10%. Questa iniziativa, promossa dal Ministero delle Imprese sotto la guida di Adolfo Urso, mira a contenere gli aumenti dei prezzi nel carrello della spesa.

Gli sconti si applicheranno solo sui prodotti alimentari, e secondo le stime delle associazioni dei consumatori, una famiglia risparmierà in media circa 100 euro durante il trimestre. L’accordo è stato siglato tra le aziende e il governo a palazzo Chigi, e l’elenco completo dei discount, superstore e ipermercati aderenti sarà pubblicato sul portale del Mimit.

Numerose aziende già hanno dato la loro adesione a questa iniziativa, tra cui Conad, Esselunga, Coop, Carrefour, Lidl, Pam, Tigre, Famila e Decò, oltre alla Coldiretti. Anche alcune catene di discount come Eurospin e Md sono in trattativa per partecipare. Inoltre, numerosi piccoli negozi alimentari, farmacie e parafarmacie hanno manifestato l’intenzione di aderire all’iniziativa. Grandi nomi dell’industria alimentare come Barilla, Lavazza, Mutti, Nestlé e Ferrero supporteranno questa iniziativa, e si prevede che molti altri si uniranno.

L’elenco dei prodotti coinvolti e la percentuale di sconto varieranno. Saranno inclusi prodotti confezionati come carne, pasta, uova, zucchero, latte, riso, sale, cereali e farina, oltre a prodotti per l’igiene personale come saponi, detergenti, pannolini e farmaci di largo consumo. Gli sconti sui prodotti freschi potrebbero variare a seconda delle promozioni settimanali o delle strategie delle catene di supermercati, dato l’andamento volubile dei loro prezzi. Tuttavia, l’olio potrebbe essere uno dei prodotti con prezzo bloccato.

Le aziende distributrici espanderanno le loro attività promozionali e tenteranno di ridurre i costi fissi. Inoltre, ritoccheranno al ribasso i prezzi dei prodotti a marchio, implementando linee di convenienza. L’intera iniziativa sarà sponsorizzata da un’apposita campagna pubblicitaria del governo e segnalata da un bollino tricolore “anti-inflazione” all’ingresso dei negozi. Nonostante ciò, l’industria manterrà una certa flessibilità nei prezzi, adattandoli alle proprie strategie commerciali e tenendo conto dell’andamento dell’inflazione.

La Social Card 2023: Bonus Spesa per le famiglie

La Social Card 2023 “dedicata a te”, chiamata anche Carta Acquisti Spesa o Bonus Spesa 2023, è una carta dal valore totale di 382,50 € che sarà erogata dai Comuni alle famiglie in difficoltà economica. Il bonus social card 2023 potrà essere utilizzato per acquistare solo i beni di prima necessità, soprattutto quelli alimentari, per far fronte alle spese in continuo aumento.

I Comuni, una volta ricevuti i dati degli ISEE da parte dell’INPS, erogheranno la carta acquisti spesa tra i nuclei familiari residenti sul proprio territorio. Nell’ordine che segue, la priorità viene data a chi ha l’ISEE più basso ed appartiene a nuclei familiari composti da almeno 3 componenti di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2009 o di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2005. Erogato il Bonus Spesa 2023 prima a queste due categorie, si procederà ad erogarlo a tutti gli altri beneficiari.

I requisiti per ottenere la social card 2023, o Bonus Spesa 2023, sono essere iscritti all’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale) e avere un modello ISEE 2023 inferiore a 15.000 €.

Sono esclusi dall’erogazione del bonus social card 2023 coloro che sono possessori di reddito di cittadinanza (RdC), assegno di inclusione o qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà, NASpI, DIS-COLL, indennità di mobilità, fondi di solidarietà per l’integrazione del reddito, cassa integrazione guadagni (CIG), o altra forma di integrazione salariale o di sostegno nel caso di disoccupazione involontaria erogata dallo Stato.

La social card o Bonus Spesa 2023 sarà erogata dai Comuni e le modalità di ritiro della carta saranno comunicate ai beneficiari, attraverso carte elettroniche di pagamento, prepagate e ricaricabili messe a disposizione da Poste Italiane.

Aggiornamento: ulteriori 80 Euro per carburante

Il Governo ha approvato un decreto, in corso di pubblicazione in Gazzetta, che prevede che nella social card Dedicata a te venga caricato a breve un ulteriore contributo di circa 80 euro da utilizzare per l’acquisto di carburanti (Benzina, gas, metano) visti i costi elevati raggiunti nelle ultime settimane. Ai 382 euro si aggiungono quindi ulteriori 80 euro che però non si potranno utilizzare per la spesa alimentare.