Turismo di qualità: buone notizie per l’estate

Foto dell'autore

By Giuseppe Scarpa

Turismo di qualità: buone notizie per l’estate

Finalmente nuove regole chiare e univoche per la stagione turistica alle porte. Il DDL Santachè è una buona notizia per tutti, per i turisti in primis che saranno tutelati, per gli operatori turistici che seguiranno regole uguali per tutti e, infine, anche per i residenti delle zone turistiche che potranno godere di un’estate tranquilla senza eccessi.

Veniamo al punto, con il nuovo Decreto il Ministero del Turismo ha intenzione di creare un codice identificativo nazionale che potrà definire la figura del Property Manager, in modo da disciplinare una volta per tutte il far west degli affitti brevi ai turisti.

Si tratta di un Decreto Legge attesissimo che dovrebbe mettere fine all’ affollamento selvaggio delle località turistiche e permettere vacanze serene per tutti, oltre a tutelare le bellezze naturali ed artistiche del Bel Paese. Un decreto nuovissimo per cui ancora tutto da scoprire ma qualcosa lo abbiamo capito subito dalla prima occhiata.

Le locazioni turistiche brevi non potranno avere la durata minima inferiore a due notti, questo permetterà di evitare quel tipo di turismo “one shot” che non piace più a quasi nessuno. Meglio puntare su un turismo di qualità che è sicuramente il futuro per uno dei settori trainanti dell’economia Italiana. In questo modo si eviteranno (o limiteranno) le fregature in cui tanti turisti sono incappati nel passato.

Il nuovo Decreto del Ministero del Turismo è una buona notizia per tutti, ma anche un’opportunità di lavoro per tante persone che vogliono guadagnare affittando appartamenti, stanze e posti letto ai turisti durante i mesi estivi: le regole chiare, infatti, fanno bene a tutti. Sarà un’estate meravigliosa. Ecco la nota del Ministero del Turismo:

«fornire una disciplina uniforme a livello nazionale volta a fronteggiare il rischio di un turismo sovradimensionato rispetto alle potenzialità ricettive locali e a salvaguardare la residenzialità dei centri storici ed impedirne lo spopolamento».