Concorsi Pubblici, nuovo impiego per Psicologi e Risorse Umane

Foto dell'autore

By Giuseppe Scarpa

Concorsi Pubblici, nuovo impiego per Psicologi e Risorse Umane

In arrivo diverse novità per quanto riguarda i nuovi concorsi pubblici successivi alla riforma del Testo del Decreto del Presidente della Repubblica del 1994.

La prima novità sostanziale è la presenza obbligatoria di psicologi ed esperti di risorse umane nelle commissioni esaminatrici.  L’impiego di queste figure professionali è stato stabilito nel testo passato dal Consiglio dei Ministri.  Ad ogni modo è stato chiarito chepsicologi ed esperti di risorse umane saranno presenti solo nelle commissioni in cui il bando li preveda.

Dal decreto relativo ai Concorsi Pubblici ci aspettavamo novità più sostanziali, ma, a quanto pare, il Governo ne ha limitato il numero di cambiamenti previsti nel testo.

Nella prima stesura del decreto sui Concorsi Pubblici, gli psicologi e gli esperti di risorse umane erano considerati necessari, al fine di valutare le capacità, le attitudini e le motivazioni dei candidati.

Nella versione definitiva del decreto sui Concorsi Pubblici, invece, ha limitato l’uso delle due figure professionali, stabilendo che la presenza di Psicologi ed Esperti delle Risorse Umane è necessaria soltanto nelle commissioni esaminatrici soloquando la loro presenza sia prevista nel bando.

A questo punto però sarebbe da chiarire come debbano essere reclutati gli psicologi e gli esperti di risorse umane.

Ci saranno anche gli psicologi e gli esperti di risorse umane nei nuovi concorsi pubblici così come disciplinati dal testo di riforma del Dpr del 1994. Il decreto di riforma prevede che la presenza delle due figure sia necessaria laddove lo preveda il bando di concorso. Ma, a ben vedere, forma dei concorsi pubblici stabilisce che le prove debbano dare un particolare riscontro dal punto di vista comportamentale, relazionale e delle attitudini. Tutte situazioni che farebbero pensare che, nei bandi dei nuovi concorsi pubblici, dovrà essere necessariamente prevista la figura dello psicologo e dell’esperto di risorse umane nelle commissioni esaminatrice.

Psicologi e professionisti di Risorse Umane nelle Commissioni. In ogni caso, secondo il testo del Decreto sui Nuovi Concorsi, Psicologi e Professionisti nel campo delle Risorse Umane dovrebbero essere largamente utilizzati nelle commissioni esaminatrici, nei Bandi dovrebbero essere quasi sempre richiesti.

Comne si farà ad identificare gli psicologi che dovranno rientrare nelle commissioni dei concorsi pubblici? Il problema riguarda soprattutto la piattaforma InPa che consente, agli stessi candidati ai concorsi, di inviare la propria domanda per partecipare alla selezione anche di figure in grado di effettuare la valutazione dei comportamenti, delle attitudini e delle competenze tecniche richieste.

Il dubbio non riguarda i concorsi Nazionali. Mentre i concorsi diversi da quelli Nazionali consistono in una serie di concorsi che vengono banditi per le procedure di reclutamento di figure professionali che servano a più amministrazioni pubbliche.

Limitatamente a questi casi, la normativa sembrerebbe orientata a far capire che la procedura speciale di individuazione delle Psicologi ed Esperti di Risorse Umane da inserire nella commissione, dovrebbe avvenire anche tramite sorteggio tra i profili caricati sul portale InPa.