Partiti i lavori per il raddoppio di via del Circuito

Foto dell'autore

By Emilio Parodi

Partiti i lavori per il raddoppio di via del Circuito

“Con un accordo importante e risolutivo con Pescara Energia toglieremo dal degrado un edificio che da troppi anni aspetta di trovare una nuova rotta – così il sindaco Marco Alessandrini e il vice sindaco Antonio Blasioli .

La soluzione che verrà adottata consiste nel trattare questa intersezione come un’isola di canalizzazione e distribuzione del traffico da via Ferrari verso via del Circuito e verso il sottopasso ferroviario di via Teramo utilizzando per la distribuzione delle altre correnti di traffico la “megarotatoria” che attraversa in senso unico antiorario i due sottopassi adiacenti del rilevato ferroviario.

La proposta approderà in aula a settembre per la gara d’appalto dei lavori, in modo che la struttura possa essere interamente completata per l’inizio del 2019. Si tratta di una storia lunga e di un recupero atteso da anni. In origine destinata all’Opera Nazionale Maternità e Infanzia, dal 1990, invece, al Comando della Polizia Municipale che l’ha utilizzata fino al 2002, quando a causa di indispensabili lavori di risanamento strutturale e di adeguamento degli impianti tecnologici, è stata sgomberata col trasferimento del Comando nella vicina Scuola Media “Michetti”

“Dunque, una volta approvata la delibera, avremo così modo anche di completare la riqualificazione dell’intero edificio nel rispetto del progetto e la Società Pescara Energia avrà un’ unica sede in un punto strategico della Città, facilmente raggiungibile dall’utenza, realizzando così una serie di concreti vantaggi, per tutti. Il maggiore per il Comune, che oltre a riuscire a completare il recupero della struttura senza sostenere alcun onere finanziario, ha di certo la possibilità di togliere dal degrado e dall’ abbandono una delle strutture cittadine che negli ultimi anni è stata fra le più soggette a sgomberi, proprio perché meta di persone senza fissa dimora e di altre marginalità che rivitalizzandola verrebbero definitivamente debellate”