Meteo prossimo weekend: Sabato 24 Giugno 2023 Variabile con possibili Grandinate e Domenica 25 Giugno 2023 Sole.

Foto dell'autore

By Emilio Parodi

Meteo prossimo weekend: Sabato 24 Giugno 2023 Variabile con possibili Grandinate e Domenica 25 Giugno 2023 Sole.

Previsioni Meteo per il prossimo weekend: Sabato 24 Giugno 2023 Variabile con possibili Grandinate a macchia di leopardo ma principalmente sull’Adriatico centrale e Domenica 25 Giugno 2023 Sole ovunque, con aria più fresca sempre sul versante Adriatico.

Weekend all’insegna delle variazioni meteo tra Sabato 24 e Domenica 25 Giugno. Gli ultimi aggiornamenti mostrano un cambiamento nel tempo atmosferico grazie alla diminuzione dell’effetto dell’anticiclone africano Scipione. Ciò permetterà l’ingresso di aria più instabile in quota, con possibili conseguenze su alcune regioni.

Iniziamo con le certezze. L’arrivo dell’anticiclone africano Scipione, che si estende dal Deserto del Sahara e dalle coste del Nord Africa fino a gran parte del Mediterraneo, garantirà stabilità pressoché totale e temperature elevate su gran parte dell’Italia. Tuttavia, nella prima parte di Sabato 24 Giugno, uno spostamento temporaneo verso ovest del promontorio anticiclonico favorirà l’arrivo di aria più fresca e instabile in quota, proveniente dall’Europa orientale.

Come spesso accade in queste situazioni, la rapida entrata dell’aria instabile causerà forti contrasti termo-igrometrici tra questa e l’aria caldissima e umida preesistente. Se confermato, ciò potrebbe portare a rovesci temporaleschi, con possibili grandinate locali, che colpiranno in modo irregolare le regioni delle Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Puglia e Campania.

Poche novità si osservano invece nel resto del Paese, dove la giornata trascorrerà prevalentemente soleggiata con temperature ben al di sopra delle medie stagionali. Domenica 25 Giugno, una nuova spinta dell’alta pressione sub-tropicale garantirà un’atmosfera stabile ovunque. Ci aspettiamo quindi tempo soleggiato con temperature diffuse oltre i 28-30°C sulle pianure del Nord e sul versante tirrenico, mentre saranno presenti alcuni gradi in meno sul versante adriatico e ionico, grazie a una vivace ventilazione proveniente dai quadranti settentrionali.