Solana sta raccogliendo finanziamenti per sfidare Ethereum

Ormai da tempo Ethereum è un punto di riferimento nel settore della finanza decentralizzata. Tanto da spingere gli analisti a cercare di capire chi possa esserne il reale contraltare. Un ruolo, quello di Ethereum Killer, che è stato in particolare affidato, nel corso degli ultimi mesi, a Cardano e Polkadot. Ora, però, all’orizzonte sembra affacciarsi Solana, le cui caratteristiche tecniche sembrano in effetti ideali al fine di farne un osso duro per la creazione di Vitalik Buterin.

Solana sta raccogliendo ingenti finanziamenti

Proprio di Solana si è tornato a parlare nelle ultime ore. Il motivo di questo rinnovato interesse è da ricercare nel vistoso successo del round di finanziamenti che era stato avviato con il preciso intento di favorirne i piani di sviluppo. Varato inizialmente per essere chiuso a marzo, il piano ha avuto talmente successo da essere ancora attivo. Tanto da raccogliere una cifra ancora non quantificabile, ma che secondo le prime indiscrezioni si attesterebbe tra i 300 e i 450 milioni di dollari. Tanto da spingere Sam Bankman-Fried, CEO di FTX, che ha lanciato una versione decentralizzata del suo exchange su Solana lo scorso anno, ad esternare la sua soddisfazione per le fortune di un progetto in cui sembra credere molto.

Le caratteristiche di Solana

Perché Solana sta raccogliendo tanti consensi? Il principale motivo è da ravvisare nelle sue caratteristiche tecniche, le quali sembrano in effetti di grande rilievo. In particolare, la sua blockchain sarebbe molto più veloce e meno costosa di Ethereum. Tanto da riuscire ad elaborare sino a 50mila transazioni al secondo, contro le 15 al massimo garantite dalla rivale.
Caratteristiche le quali sembrano fatte apposta per spingere molti di coloro che sino a questo momento hanno lanciato le proprie app decentralizzate su Ethereum a rivolgersi a Solana. La quale potrebbe quindi diventare il nuovo standard di riferimento in un settore che se sinora è stato sfruttato soprattutto dalla DeFi, si sta rivelando ideale anche per media e gaming.

Metaplex, lo Shopify per NFT

Tra i tanti strumenti che stanno spingendo Solana verso il grande successo, sono in molti ad indicare le enormi potenzialità di Metaplex.
Si tratta di un nuovo protocollo, che è stato lanciato da pochi giorni, il quale consente agli artisti di dare vita ai propri negozi, ove vendere NFT, token non fungibili, sotto forma di articoli digitali unici. Come ha fatto ad esempio RAC, il vincitore di un Grammy Award. Una funzionalità la quale ha spinto gli osservatori a definire Metaplex come lo Shopify degli NFT.

Solana, una crescita esponenziale

Nato nel 2017, Solana aveva raccolto 21,8 milioni di dollari di finanziamenti, prima di questo round, almeno stando ai dati forniti da Crunchbase. Di cui 20 collezionati in un evento di serie A guidato da Multicoin Capital nel 2019, sostenuta anche da BlockTower Capital e da altri soggetti. I quali avevano evidentemente fiutato l’affare e le potenzialità del progetto.
Nel frattempo, anche il token nativo di Solana, SOL, è letteralmente decollato. Se all’inizio di gennaio era ancora sotto i due dollari di quotazione, nel corso del mese di maggio ha addirittura raggiunto un massimo di 54. Attualmente si colloca al 15° posto della classifica di CoinMarketCap, che prende in considerazione la capitalizzazione di mercato, a quota 41,80 dollari. Anche grazie ad una crescita del 13,5% fatta registrare nel corso delle ultime 24 ore, che hanno portato oltre il 43% quella degli ultimi sette giorni.

L’articolo Solana sta raccogliendo finanziamenti per sfidare Ethereum è apparso per la prima volta su Criptovalute News


Source link

Check Also

Bitcoin Mining Council al via, senza ruoli per Elon Musk

C’era una notevole attesa per la prima riunione del Bitcoin Mining Concil. Dovuta in particolare …