I taxi di Regno Unito e Scandinavia potranno accettare pagamenti in Ethereum

La società di pagamenti mobili HIPS e The Payment House hanno intrapreso una partnership con l’intento di permettere ai taxi nel Regno Unito e in Scandinavia di accettare criptovalute sulla blockchain di Ethereum. Per effetto di questo accordo, saranno oltre 10mila nel Regno Unito e 20mila in Scandinavia le vetture a pagamento in grado di utilizzare il gateway di pagamento una volta che partirà un beta test previsto per il prossimo mese di novembre.
La piattaforma accetterà inizialmente la stablecoin USD Coin e il merchant token (MTO) di HIPS, il quale viene emesso su Ethereum secondo lo standard ERC-20. In un secondo momento dovrebbe essere aggiunto il supporto per altre criptovalute, in particolare per Cardano e Solana, ma non solo.

Ancora un passo verso l’adozione di massa delle criptovalute

L’annuncio relativo ai taxi inglesi e scandinavi va in pratica ad aggiungersi a quelli che hanno riguardato nel corso degli ultimi mesi più settori. Si pensi ad esempio alla possibilità accordata dalla società editrice di Time per il pagamento di servizi di abbonamento in Bitcoin. Oppure a quella introdotta dal sistema di pagamenti digitali PayPal a favore dei propri utenti.
Tanto da spingere molti osservatori a prefigurare una prossima adozione di massa del denaro digitale, soprattutto nel caso in cui la situazione sanitaria non dovesse migliorare sensibilmente. Proprio il denaro contante, infatti, è stato accusato più volte di essere un possibile veicolo di contagio per il Covid. Inducendo di conseguenza molte persone a puntare su forme di pagamento immateriali. A partire proprio dalle criptovalute.

HIPS: di cosa si tratta?

HIPS comprende il protocollo HIPS Merchant, la piattaforma HMP-gateway e il suo token. Lanciato all’inizio di aprile, il sistema è stato progettato al fine di riuscire a girare su qualsiasi blockchain la quale disponga di un supporto per i contratti intelligenti. Per effetto di questa caratteristica in futuro potrà utilizzare non solo Ethereum ma anche Cardano e Solana tra gli altri. In particolare Solana, con la sua grande velocità di transazione, pari a oltre 50mila procedimenti al secondo, potrebbe risultare ideale per i viaggi in taxi più brevi.

Il denaro digitale è sempre più presente nella vita di ogni giorno

Ormai gli accordi relativi all’utilizzo delle maggiori criptovalute nel sistema dei pagamenti non destano più eccessivo stupore. Una tendenza iniziata ormai da tempo e che nel corso degli ultimi mesi si è rinvigorita proprio sull’onda dei timori innescati dal diffondersi della pandemia di coronavirus.
Il denaro digitale, però, già in precedenza aveva fatto una comparsa notevole, in particolare nel continente latino-americano. Ove i livelli di inflazione troppo elevati hanno spinto un gran numero di persone a scambiare gli stipendi e le pensioni in Bitcoin e Altcoin più diffuse. Un modo per poter sfuggire alla perdita quasi immediata di potere d’acquisto che ha visto Venezuela e Argentina in prima linea.

Il caso africano

Anche in Africa le criptovalute si stanno rivelando un mezzo ideale per poter dare risposte efficaci a grandi problemi. In particolare a quello rappresentato dalla mancanza di mezzi in grado di permettere a molte persone di sfuggire all’esclusione finanziaria e gestire di conseguenza in maniera più efficace il proprio patrimonio. Una tendenza particolarmente evidente in Paesi come la Nigeria, il Ghana e il Sudafrica. La quale potrebbe presto interessarne altri del continente nero, favorendone la crescita dal punto di vista economico.

L’articolo I taxi di Regno Unito e Scandinavia potranno accettare pagamenti in Ethereum è apparso per la prima volta su Criptovalute News


Source link

Check Also

Anche per Litecoin è un ottimo momento

Anche Litecoin sta dando vita ad un notevole crescita nel corso degli ultimi giorni. In …