Evasione Fiscale: si potrà entrare nei conti correnti personali per fare i controlli

Foto dell'autore

By Giuseppe Scarpa

Evasione Fiscale: si potrà entrare nei conti correnti personali per fare i controlli

L’agenzia delle entrate non darà tregua agli evasori fiscali, questo è uno degli obbiettivi dichiarati del Governo in questa fase. Il Garante della Privacy ha dato il via libera ai controlli dell’Agenzia delle Entrate sui conti correnti personali.

Potranno entrare nei conti correnti personali per fare i controlli? Sembra proprio di si, una decisione questa che farà molto discutere e che incute più di qualche timore nei risparmiatori. I controlli incrociati saranno effettuati da un algoritmo a cui non suggirà nessuna anomalia.

Cos’è l’Anonimomentro o VeRa? L’Anonimometro, altrimenti noto come “VeRa” è l’algoritmo, implacabile, che verra usato dall’Agenzia delle Entrate per entrare nei conti correnti degli italiani e scandagliarli a fondo per trovare ogni traccia di evasione fiscale.

Controlli incrociati. L’ algoritmo automatico permette di incrociare i dati della banca dati dell’Agenzia delle Entrate con quelli di altre banche dati di enti pubblici, prima tra tutte quella dell’anagrafe tributaria. Un’operazione lunga e complessa che fino ad oggi era relegata alle mani di singoli agenti oggi è automatizzata e immediata grazie all’algoritmo.

Incongruenze e anomalie nei conti correnti non potrenno sfuggire ai controlli dall’algoritmo dell’Agenzia delle Entrate come, per esempio, operazioni poco chiare che potrebbero essere ricollegate ad attività illegali, tipo depositi o ritiri di grosse quantità di contanti (non dichiarati) o come acquisti di oggetti e prestazioni a costi troppo alti.

Il cittadino non si accorgerà nemmeno di essere stato controllato in caso di nessun esito nei controlli automatici, al contrario, se dovesse spuntare qualche anomalia ovviamente verrà contattato dal Fisco.Ovviamente Il Garante fa sapere che non ci saranno rischi rispetto alla tutela della privacy dei cittadini che verranno sottoposti ai controlli.  il procedimento, infatti, non avviene sui dati personali dei correntisti che, nel caso, verrebbero recuperati in un secondo momento esclusivamente da personale umano.

Un Incubo per gli evasori fiscali e un modo per combattere il lavoro nero. Grazie all’Algoritmo dell’Agenzia delle Entrate ci sarà sempre un controllo su qualunque operazione venga fatta in qualunque luogo d’Italia. Sarà molto più facile scoprire fenomeni di lavoro o attività in nero e altri tipi di evasione che sfruttano le false dichiarazioni dei cittadini in materia fiscale.