E' finito nuovamente in carcere Emanuel Zuanel, 34anni, l'ex pugile pescarese protagonista in passato di gravi episodi violenti.

Il giovane, dopo essere stato scarcerato nel mese di giugno scorso, e' tornato a molestare e minacciare la compagna, dalla quale ha avuto un figlio. La donna si trovava in una struttura protetta proprio per sfuggire agli atti persecutori del 34enne. Malgrado ciò, Zuanel ha continuato a molestarla e minacciarla. Pertanto e' stato rintracciato dagli agenti della squadra Mobile a Caramanico Terme (Pescara) e arrestato con l'accusa di stalking, su disposizione del gip del Tribunale del capoluogo adriatico.

Zuanel il 14 ottobre 2010 era stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria perché, armato di pistola, aveva esploso alcuni colpi di arma da fuoco nei confronti della precedente compagna, ferendo la donna ed altre persone, per poi darsi alla fuga armato. Il 19 aprile 2015 era stato gambizzato in strada, in via Lago di Capestrano, da un gruppo di conoscenti. Sempre nel 2015, invece, era finito due volte in carcere: la prima per aver aggredito e picchiato la nonna materna e lo zio disabile; la seconda perché nel corso di una lite aveva lanciato dell'olio bollente sul viso della compagna, diventata madre da pochi giorni del loro bambino.