Commercianti ambulanti nordafricani, ma anche cingalesi, cinesi, bengalesi ecc, sono ormai personaggi tipici delle nostre spiagge. 
Carichi di merce percorrono km di spiaggia sotto gli ombrelloni per vendere magliette, occhiali, borse, cinte, scarpe, di tutto, quasi sempre roba falsa a poco prezzo

Dai modi quasi sempre gentili, anche se a volte un pò assillanti, ormai sono attesi dai clienti che conoscono anche gli orari e i luoghi in cui passano ogni giorno.

Sono quasi tutti abusivi senza licenza. 
"Nessuno ha risposto al bando che metteva a disposizione 10 posti per la vendita ambulante sul litorale e dunque tutti coloro che vendono prodotti in spiaggia sono abusivi" ha recentemente dichiarato il sindaco di Francavilla al Mare Luciani, impegnato come tutti i sindaci del litorale a cercare di contrastare il fenomeno della vendita abusiva di merce contraffatta. 
Addirittura si è arrivati alle multe, pesanti, fino a 7000 euro anche per chi compra dai venditori ambulanti abusivi ( ci dovrebbero spiegare come riconoscere un venditore abusivo da uno con licenza) 

Ma i vigili in spiaggia non si vedono quasi mai, e vù cumprà e clienti continuano indisturbati il loro commercio alla luce del sole
Processioni infinite tra i lettini e mercatini improvvisati in riva, merce falsa e zero tasse, ma a parte il danno sull'economia, c'è anche un problema di sicurezza dei bagnanti: quando riuniscono i carretti carichi di merce all'inverosimile sulla battigia, di fatto impediscono la visuale dei bagnini che sorvegliano le persone in acqua.