"La sfida è grande, restare competitivi a 40 anni. Ma non ho cali di motivazione è per questo che ho firmato per due anni". Valentino Rossi spiega così la firma del contratto con la Yamaha annunciata oggi a Losail, dove domenica inizia il Motomondiale edizione 2018.
 
Rossi mostra il casco per la stagione 2018. Milagro

Rossi mostra il casco per la stagione 2018. Milagro

NON ERA L'ULTIMO — "Quando firmai l'ultimo contratto nel 2016 - dice ancora Valentino in una nota - mi chiesi se non fosse l'ultimo. Allora decisi che avrei preso la decisione in queste due stagioni. Durante le quali ho capito che correre con la M1 mi fa stare bene. Lavorare col mio team, con Silvano (Galbusera; n.d.r.), Matteo (Flamigni; n.d.r.), i meccanici e gli ingegneri è un piacere. Ringrazio la Yamaha, Lin Jarvis e Maio Meregalli in particolare, per la fiducia che ripongono in me. So che questa sfida sarà difficile e richiederà tanto impegno da parte mia, ma non ho cali di motivazione. È per questo che ho firmato per due anni".
Il nuovo casco di Valentino Rossi. Milagro

Il nuovo casco di Valentino Rossi. Milagro

PARLA JARVIS — Soddisfatto il team principal Yamaha Lin Jarvis: "È stato molto facile raggiungere un accordo insieme - ha detto - abbiamo una squadra che deve essere in grado di raggiungere l'obiettivo. Nonostante i suoi molti anni nello sport e dei suoi 39 anni, Valentino è ancora un grande pilota, come testimoniato più recentemente dalla sua seconda posizione nel test finale pre-campionato qui in Qatar. È una grande notizia per iniziare bene il 2018"