Troppo caldo per lavorare, così dopo una dura giornata passata a queste alte temperature, un operaio edile di 44 anni originario di san Giovanni Teatino si è sentito male e si è accasciato proprio di fronte ai suoi colleghi, ora l'uomo è in coma ricoverato in prognosi riservata presso l'ospedale di Chieti.

L'operaio edile stava restaurando un residence in contrada Fontechiaro, quando a causa di un colpo di calore che avrebbe innalzato la sua temperatura corporea oltre 41 gradi, si è improvvisamente sentito male perdendo i sensi di fronte ai propri colleghi che immediatamente si sono resi conto di quanto la situazione fosse grave ed hanno allertato i soccorsi.