Un ricorso in Cassazione contro la sentenza di assoluzione nei confronti dei sette esperti della Commissione Grandi Rischi è stata depositata questa mattina presso la Corte d'Appello dal Procuratore Generale de L'Aquila Romolo Como.
La Commissione Grandi Rischi, composta da sette esperti nominati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri era stato assolto in appello, dopo la condanna in primo grado, dalle accuse di lesioni e omicidio colposi, per aver sottovalutato i rischi dell'imminente sisma del 6 Aprile 2009 che causò 309 vittime, 1550 feriti e circa 15 milioni di danni.

Le contestazioni della sentenza di assoluzione si basano su due principali punti, il fatto che la commissione sia stata riunita in maniera formale, al contrario di ciò che sostiene la difesa, e l'atteggiamento di maggiore prudenza che avrebbero dovuto mantenere gli esperti della Commissione nei confronti delle rassicurazioni alla popolazione.

Il ricorso presenato dal Procuratore Generale Como prevede anche la richiesta di rinvio a giudizio di Guido Bertolaso, allora Capo della Protezione Civile per stabilire se sia stato lui ad ordinare alla commissione di tranquillizzare la cittadinanza invitandola a non abbandonare le abitazioni durante le scosse, come emergerebbe dalle intercetazioni telefoniche tra lo stesso Bertolaso e le assessore alla Protezione Civile Daniela Stati.