Pescara. La straordinaria grandinata che ieri per qualche minuto ha imbiancato le strade della città era veramente grandine? O si trattava di graupel? Una precipitazione molto simile alla grandine, ma che presenta chicchi perfettamente sferici e mediamente più grandi di quelli della normale grandine.
Non è neve e nemmeno grandine  il graupel o gragnola è classificata come fenomeno metereologico a sé, definito dal Servizio Meteorologico Nazionale dell’Aeronautica Militare "precipitazione solida costituita da granelli di ghiaccio bianchi e opachi con un diametro compreso tra i 2 e i 5 millimetri. La forma di questi granelli di ghiaccio è in prevalenza sferica "

Altra differenza con la grandine, che è di ghiaccio puro, consiste nel fatto che i chicchi di graupel hanno struttura facilmente malleabile e compribile, tanto che già nel loro impatto con il suolo, durante la precipitazione, si sbriciolano
.