Cresce il numero di firme apposte sul Manifesto per la rivalorizzazione e la riqualificazione della Stella Maris, promosso dal Comune di Montesilvano in collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Roma.

Anche il professor Giuseppe Paolone, rettore vicario della Università Telematica Pegaso, ha sottoscritto il progetto che prevede l’apertura di una sede distaccata dell’Istituzione romana proprio nella ex colonia marina.

"Il rettore – ha affermato il primo cittadino, Francesco Maragno – apponendo la sua firma sul nostro Manifesto ha dichiarato il suo apprezzamento per questo progetto. Raccogliere anche la sottoscrizione del rettore, per lunghi anni preside della Facoltà di Scienze Manageriali e specialista di Economia, è la chiara dimostrazione dei risvolti positivi che questa iniziativa produrrà non soltanto a livello artistico e culturale, ma anche per il tessuto economico ed imprenditoriale di tutta la Regione. Siamo profondamente soddisfatti di come la nostra proposta stia convincendo nomi importanti, provenienti da campi differenti".

Il Manifesto, dalla sua presentazione, avvenuta lo scorso 9 maggio, ad oggi, ha ottenuto le firme anche del presidente regionale Luciano D’Alfonso, del presidente della Provincia Antonio Di Marco, di Confindustria Chieti - Pescara, della senatrice Federica Chiavaroli e di molte associazioni e intellettuali della regione, del prefetto emerito di Pescara Vincenzo D’Antuono, dell’onorevole Gioacchino Alfano, sottosegretario di Stato alla difesa, dell’assessore al patrimonio culturale del Comune di Pescara, Paola Marchegiani, del gallerista di Cesare Manzo, di Mario Pieroni e Dora Stiefelmeier, fondatori dell’Associazione Zerynthia e di Felice Levini, artista e autore dell’opera “L’albero della Cuccagna”, realizzata nell’area antistante la ex colonia, nell’ambito del progetto nazionale ideato da Achille Bonito Oliva.

Nelle scorse settimane, il Consiglio dell’Accademia delle Belle Arti di Roma ha approvato un progetto didattico, ad hoc per la Stella Maris, che prevede l’attivazione di un corso accademico triennale ed uno biennale in Costume per lo spettacolo, oltre ad un Master in Costume per il Cinema e un Master in Arti Visive.