Messaggi osceni, telefonate ed sms ritenuti persecutori nei confronti due donne di Tollo il tutto pubblicato su Facebook, così per l'autore, un ragazzo di 26 anni anch'egli di Tollo sono scattate le manette e il ricovero coatto in una casa di cura della provincia di Chieti.

Il giovane, già in passato era stato denunciato per stalking dalle due vittime e sottoposto al divieto di comunicare con loro e di avvicinarsi ai posti frequentati dalle due donne, ma probabilmente l'avvertimento non è bastato e lo stalker ha continuato imperterrito a molestare le sue vittime.

Così le ultime due denunce hanno fatto scattare la richiesta di arresto e di ricovero in una casa di cura, da parte del G.i.p. del Tribunale di Chieti eseguito ieri mattina dai Carabinieri.