Il soccorso in montagna presto in Abruzzo sarà a pagamento. in Regione, con i consiglieri del PD Pierpaolo Pietrucci, che per primo,  ha avviato la discussione con tutti i referenti del soccorso alpino (Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, Forestale, Vigili del Fuoco, CAI ecc….) Ad oggi il soccorso per chi si trova in difficoltà, in primis sul Gran Sasso, non si paga. Ma sono numerosi i casi in cui ci si ritrova a prestare soccorso a sprovveduti, turisti che magari affrontano la montagna con un equipaggiamento inadeguato e senza l’attrezzatura giusta.