Pescara è pronta per #SfiduciaDay, organizzata per domani lunedì 24 agosto dal Movimento Cinque Stelle, stanco delle verità nascoste dal sindaco Marco Alessandrini sul noto caso delle acque sporche del mare Adriatico che, secondo molti, ha messo a repentaglio la salute dei cittadini.

Come ha spiegato il Movimento: " Marco Alessandrini non si dimetterà mai. E’ un dato di fatto. Non ha neanche più senso chiederglielo. Un sindaco che compie un atto così grave come quello di nascondere la verità, mettendo a repentaglio la salute dei propri cittadini non può decidere (e non deciderà mai) di dimettersi ed, oggi, è responsabilità ed obbligo di un altro organo di governo, il consiglio comunale, mandarlo via".

"Non è più una questione di colore politico - secondo i grillini - né di minoranza contro maggioranza, ma è un dovere di sicurezza e di coscienza, una responsabilità che 32 persone devono prendersi, di fronte ai propri elettori e a tutti i cittadini di Pescara, votando la sfiducia ad un sindaco che non ha neanche la dignità di dimettersi".

Per i pentastellati l'evento non ha colori politici, perchè la salute dei cittadini va tutelata, motivo per cui bisogna prendere atto della situazione: "I consiglieri comunali hanno, infatti, la possibilità (e dopo questo episodio l'obbligo) di sfiduciare chi non è più nella condizione di svolgere il ruolo di primo cittadino, anche a costo di sciogliere il consiglio comunale ed andare a nuove elezioni".

Secondo i grillini: "Noi abbiamo agito: abbiamo elaborato una mozione di sfiducia, abbiamo inviato diversi giorni fa il testo a tutti i consiglieri comunali di opposizione e di maggioranza invitandoli a sottoscrivere l’atto nella giornata del 24 agosto ed ad apportare eventuali modifiche e/o integrazioni al testo. Per questo motivo il 24 agosto alle ore 12 saremo davanti al Comune per raccogliere le firme dei consiglieri comunali che avranno il coraggio di compiere questo atto doveroso verso la città".

Servono 13 firme per presentarla e 17 voti per sfiduciare il sindaco: "Noi ci saremo. - continuano - Chi altro, come noi, metterà la sicurezza dei cittadini prima della propria poltrona? Chi, invece, garantirà a questo sindaco (e a se stesso) di poter continuare tranquillamente a prendere decisioni per la nostra città dopo tutto quello che è successo? Lo vedremo presto. #24AgostoSfiduciaDay".

Come spiega il movimento dopo l' annuncio dell'8 agosto di voler sfiduciare il sindaco, hanno appreso dagli organi di stampa che il gruppo consiliare della coalizione di centrodestra il 17 agosto ha elaborato e sottoscritto una seconda mozione di sfiducia che, ad oggi, non è stata ancora inviata per conoscenza al gruppo consiliare del M5s: "Per questo - spiegano - abbiamo invitato formalmente tutto il centrodestra (che sembra essere disponibile) ad un incontro per poter elaborare un unico atto di sfiducia e poter così attivare, con dodici firme dell'opposizione, tutte le azioni necessarie e successive per raggiungere le tredici firme ovvero il numero minimo richiesto dal regolamento per la presentazione di una mozione di sfiducia.

Appuntamento dunque a domani, 24 agosto alle ore 12 presso piazza Italia 1, 65121 Pescara, per "sfiduciare" il sindaco Marco Alessandrini.