Serenata a mamme 

O ma’, se quacche notte mi ve ‘nmente
ti vujje fa’ ‘na bella ‘mpruvisate;
t'aja minì a purtà ‘na serenate 
nche stu trombone d' accumpagnamente. 

Ne’ ride, ma’, 
le sacce: lu stumente è ruzze 
e chi le sone nen te’ fiate,
ma zitte, ca se cojje lu mumente,
capace che l'accucchie ‘na sunate.

Quande lu vicinate s'arisbejje,
sentenneme sunà,
forse pu’ dice: vijat'a jsse coma
sta’ cuntente !
Ma tu che mi cunusce nen ti sbejje:
li si ca ugne suffiate è nu suspire, 
li si ca ugne mutive è nu lamente !

 di Modesto della Porta da Ta-pù lu trumbone d'accompagnament

Traduzione :

Serenata a mamma 

Mamma, se qualche volta mi viene in mente
Ti voglio fare una bella sorpresa
Devo venire a portarti una bella serenata
Con questo trombone d'accompagnamento

Non ridere, mamma, 
lo so che questo strumento è "rozzo"
e chi lo suona (io stesso) non ha fiato
ma zitta, che se colgo il momento giusto
può essere che riesco a farci una bella suonata

Quando i vicini si sveglieranno, 
ascoltando la serenata
potranno dire: Beato lui, che sta cosi' contento!
Ma tu che mi conosci bene non t'inganni
Sai che ogni soffio è un sospiro
Sai che ogni motivo è un lamento.

Modesto della Porta è uno dei più importanti poeti in dialetto abruzzese, e sicuramente "Serenata a mamme" è una delle sue opere a cui siamo maggiormente affezionati. Chi non ha mai letto questa meravigliosa poesia durante le scuole elementari ? 
Questa poesia di Modesto della Porta è un autentico capolavoro, contenuta nella raccolta "Ta-pù Lu trumbone d'accumpagnament " un libretto di poche pagine in cui l'autore con l'ironia che lo ha sempre caratterizzato,  immagina di essere un suonatore di trombone, umile ma rumoroso.

leggendo queste righe in cui dolcezza e malinconia si mescolano mirabilmente,ci si emoziona e non si può fare a meno di dedicarle alle nostre madri ovunque siano.