"Prendiamo atto delle rassicurazioni dell'assessore Paolucci circa la conferma dei lavori gia' previsti e finanziati per l'ospedale di Popoli, ossia l'allestimento della Sala della Risonanza Magnetica e la realizzazione del Reparto per le Cerebropatie gravi acquisite. Tuttavia restano le preoccupazioni sullo slittamento dei fondi al 2016 e al 2017, e, continueremo a tenere alta l'attenzione sui due interventi, attendendo la comunicazione del Presidente D'Alfonso circa la firma dei contratti con le ditte aggiudicatrici dei due appalti, ovvero attendiamo l'apertura dei cantieri".

Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri, in riferimento alle replica in aula, stamane, durante il Consiglio regionale, dell'assessore Paolucci all'interrogazione presentata dall'esponente azzurro sulle ragioni che hanno determinato lo slittamento dei finanziamenti gia' disponibili per i due interventi e Sospiri ha ripercorso in Aula, con date e cifre, l'intero iter relativo ai lavori dell'ospedale di Popoli.

In particolare al presidente D'Alfonso e all'assessore alla sanita' Paolucci il capogruppo ha chiesto di conoscere "quali siano state le motivazioni che hanno determinato il differimento dei finanziamenti, ovvero degli interventi gia' previsti sull'ospedale, che soffre dei gravi ritardi nell'attuazione di investimenti approvati da anni e la cui fonte di finanziamento risulta essere nelle disponibilita' della Asl, trattandosi di utili derivanti dall'esercizio 2013. Peraltro - ha aggiunto Sospiri - tali notizie sono trapelate dopo pochi giorni dallo scontro che, dopo la chiusura dell'ambulatorio oncologico, si e' consumato tra il sindaco Galli e l'onorevole Castricone che ha attaccato e biasimato il sindaco, anziche' fare fronte comune in difesa dell'ospedale in un gioco delle parti che lascia spazio a dubbi e interrogativi".

"Purtroppo - e' quanto ha rilevato il consigliere regionale di opposizione - il timore e' che tali slittamenti siano propedeutici all'applicazione del Decreto Lorenzin, che fissa i parametri di densita' anagrafica, ossia almeno 200mila abitanti, per mantenere in vita gli ospedali, che si tradurrebbe nella chiusura dell'ospedale di Popoli".

"Ora - continua - in aula l'assessore Paolucci ha sostenuto che la realizzazione del reparto di cerebropatie gravi acquisite, gia' appaltato, e' stato momentaneamente fermato dal manager Asl per consentire dei lavori suppletivi inerenti la sicurezza sismica del nosocomio; starebbe invece andando avanti l'appalto per la sala della Risonanza magnetica, per il quale a meta' giugno sono scaduti i termini per la presentazione delle offerte. Noi prendiamo atto dell'espressione dell'assessore, ricordando che, se oggi e' possibile utilizzare gli utili di esercizio del 2013, e' grazie ai sette anni di lavoro del governo Chiodi che ha recuperato il miliardo di deficit della spesa sanitaria, portando a parita' il bilancio. Tuttavia sono preoccupato perche' non si comprende comunque lo slittamento delle coperture finanziarie al 2016 e 2017, ricordando che le due gare bandite, di cui una gia' aggiudicata, rappresentano obbligazioni giuridicamente vincolanti e lo slittamento potrebbe generare contenziosi per la Regione stessa. E d'altro canto la stessa Azienda Asl non avrebbe mai potuto bandire una gara se non aveva una certa copertura finanziaria".

"L'assessore Paolucci afferma che i lavori si faranno con l'utile di esercizio 2013, e allora a questo punto restiamo in allerta e in attesa di una comunicazione del presidente al momento della firma dei contratti", ha commentato infine Sospiri.