Una notizia è che il Senatore Antonio Razzi è favorevole alle unioni civili , un'altra è che probabilmente non ha capito bene di cosa si stia parlando . In effetti il dubbio che il senatore ignorasse la questione si era già manifestato dopo il suo intervento al Senato , in cui palesava , a parole sue , una certa confusione durante il proprio discorso in Senato: " Del resto, tutti sanno che ho una moglie " aveva dichiarato, facendo intendere una sorta di neutralità o quantomeno non pensiero nei confronti del d.d.l. Cirinnà.
La successiva intervista concessa a Selvaggia Lucarelli durante la trasmissione radiofonica 'Stanza Selvaggia' rafforza ulteriormente la convinzione che il Razzi nazionale sia realmente confuso sui temi che riguardano la sessualità .

Avrebbe dichiarato infatti di conoscere diversi uominisessuali a Roma e che , una volta , questi uominisessuali lo avrebbero avvicinato per chiedergli cosa ne pensasse del ddl Cirinnà .
Con la consueta franchezza il senatore " glielo avrebbe detto in faccia " di essere favorevole alle unioni civili , ma non alle adozioni da parte di persone dello stesso sesso .

"Guardi io le posso dire che conosco vari uomisessuali lì a Roma, una volta ero in un ristorante si sono avvicinati e mi hanno chiesto cosa ne pensassi del ddl Cirinnà io gliel'ho detto in faccia 'sono contrario alle adozioni ma invece sono a favore delle unioni civili'

Non contento, Razzi , ha voluto anche spiegare il motivo della sua contrarietà alle adozioni da parte di coppie omosessuali ( non di uomini sessuali ) se possibile peggiorando la sua figura :
"Se i bambini stanno in mezzo a due mamme posso pure capire che la mamma è la mamma e magari il bambino capisce 'mia mamma è uscita 'na sera e s'è fatta n a botta e sono nato io' ma con due uomini che cavolo gli dici?"