Una draga a disposizione dei porti di Pescara e di Ortona per sistemare rapidamente e a costi contenuti i fondali, è il "regalo" di un imprenditore alla regione Abruzzo. Lo ha annunciato lo stesso Presidente Luciano D'Alfonso che tira fuori un vero e proprio "asso dalla manica" che dovrebbe risolvere l'annoso problema dei fondali troppo bassi del Porto di Pescara e di quello di Ortona.

Una soluzione ideale che abbatterebbe i costi e soprattutto velocizzerebbe l'inizio dei lavori di adeguamento dei due porti, in particolare per quello di Pescara da cui dovrebbero essere dragati circa 50mila metri cubici di sedimenti per permettere l'attracco in porto della petroliera Galatea e delle navi SNAV.
Il Presidente D'Alfonso inoltre ha dichiarato di avere a disposizione circa 18 milioni di euro stanziati dalla FAS (Fondo Aree Sottoutilizzate)