Un bimbo muore nella pancia della sua mamma e la Procura della Repubblica di Teramo iscrive nel registro degli indagati un medico per la sua morte. La donna era al nono mese di gravidanza.

Del caso si occupa il sostituto procuratore Luca Sciarretta che, come atto dovuto, per consentire alla difesa di svolgere accertamenti, ha indagato il medico dell'ospedale di Sant'Omero (Teramo) dove la 30enne era giunta per dare alla luce il figlio che ancora accoglieva nel suo grembo.

Sul corpicino e' stata svolta l'autopsia per accertare le cause del decesso i cui risultati saranno resi noti successivamente.

Sembra, pero', che all'arrivo della gestante in ospedale i medici non avvertissero piu' il battito del cuore del bimbo in pancia.