Costerà dieci milioni di euro l'ampliamento del nodo ferroviario di Pescara. Il progetto ha lo scopo di velocizzare il nodo ferroviario di Pescara. "I lavori prevedono l'aggiunta di un binario ai tre attuali della stazione di Portanuova - dice l'assessore Enzo Del Vecchio - e tre nuovi marciapiedi a servizio degli stessi. In pratica si interverra' su quattro fronti: il cavalca ferrovia a doppia canna che si trova sulla Tiburtina; quello a canna singola che ricade su via Lago di Scanno; il rilevato ferroviario sottostante e i binari per la realizzazione dei marciapiedi di servizio ai viaggiatori presso la stazione. I lavori interesseranno, con criticita' anche la viabilita' urbana, soprattutto a ridosso di Tiburtina e via Lago di Scanno. L'assessore alla Mobilita' Enzo Del Vecchio, insieme al dirigente del Settore Lavori Pubblici Giuliano Rossi e gli autori di un progetto di Rete Ferroviaria Italiana hanno incontrato gli ingegneri Mario Esposito e Cristina Candeloro e il geometra Berardino di Clemente che si occuperanno della realizzazione. Il progetto avra' un costo di circa 10 milioni di euro di cui 4,8 coperti da fondi Par-Fas, i restanti 5,2 milioni a carico di Rfi