Pescara . L'aria in città è di nuovo nauseabonda, i fumi del sansificio sono tornati ad appestare i cittadini . L'Amministrazione comunale, che aveva imposto lo stop alla fabbrica di sansa, dopo le analisi dell'aria condotte dall' ARTA che avevano evidenziato eccessive emissioni di carbonio, ma soltanto dopo 24 ore ha revocato il fermo e l'attività di raffinazione della sansa è ripresa a pieno ritmo. Non ne sono per niente contenti i pescaresi, che da due giorni si lamentano dell'odore nauseabondo che sono costretti a respirare, in centro , inoltre, c'è anche chi gira con la mascherina sul volto.

Il sansificio, è una fabbrica situata nel territorio pescarese lungo la strada vicinale Torretta,  che raffina la sansa, uno scarto delle olive, per produrre combustibili. La lavorazione, purtroppo ha come controindicazione l'emissione nell'aria di fumi puzzolenti che a volte possono essere anche inquinanti, l' ARTA infatti in questi giorni dovrà provvedere ad analizzare di nuovo l'aria per verificare se l'attività del sansificio non possa essere nociva e potrebbe imporre un nuovo stop alla fabbrica.