Poteva finire diversamente la partita di questa sera tra Pescara e Salernitana valida per la quarta giornata di Serie B. il risultato dice 1 a 1 , ma è il Pescara a dover rimpiangere le occasioni non sfruttate.
Eppure, in vantaggio di un gol , la squadra di massimo Oddo ha potuto giocare tutto il secondo tempo in superiorità numerica per l'espulsione del difensore della Salernitana Schiavi.
La partita era iniziata bene per il Pescara che riuscito ad andare in vantaggio al 19' p.t. grazie a Valoti schieratoa centrocampo insieme a Memushaj e Mandragora dietro le due punte Cocco e Lapadula, ma nonostante diverse buone occasioni non è riuscito a raddoppiare e blindare il risultato.

Lapadula, autentica spina nel fianco della difesa della Salernitana è stato sicuramente il miglior interprete dell'attacco del Pescara e della partita, ha il merito di determinare l'espoulsione di Schiavi al 44' p.t. ma non è bastato per scardinare l'arcigna difesa amaranto al 25' e al 26' del primo tempo quando è bravissimo a rubare il tempo ai difensori della Salernitana e ripartire in contropiede, ma poco fortunato nelle conclusione anche grazie ad un'ottima partita del portire Terracciano.

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del finale del primo tempo, ossia con il Pescara che controlla la partita forte anche della superiorità numerica, la Salernitana, invece, dopo 10 minuti corre ai ripari e sostituisce l'attaccante Sciaudone con il difensore Perulli e la squadra amaranto sembra ritrovare equilibrio.
Memushaj e Verre intanto continuano a macinare km ma la loro è più contenimento che proposizione, così Oddo decide di sostituire Mandragora, ormai ingabbiato dalla difesa campana, con Torreira al 53'.
Ma da una fallo su Bovo, nasce la punizione di Gabbionetta che sfonda la barrierae finisce in rete: al 60' 1 a 1 e doccia gelata per l'Adriatico .
Per il Pescara il tempo per riportarsi in vantaggio ci sarenne, e nemmeno le occasioni son mancate, soprattutto con i furetti Lapadula e Caprari, subentrato a Cocco, il primo sfiora di nuovo il gol al 64' con un gran tiro che sfiora l'incrocio dei pali e al 73' con un colpo di testa bloccato ancora da Terracciano, il secondo è fermato al 62' in posizione di fuorigioco dubbia.
Gli ultimi minuti sono tutti di marca di pescarese con Memushaj, Benali e Valoti che partecipano all'assalto, ma al 77 è bravissimo il portiere del Pescara Fiorillo a sventare sul salernitano Eusepi, da poco subentrato a Gabbionetta, che aveva superato Zuparic e indovinato il palo lontano.
Finice in pareggio all'Adriatico Cornacchia la partita tra Pescara e Salernitana con i biancazzurri sicuramente non contenti del risultato ( meglio la prestazione ) che devono recriminare su troppe occasioni mancate.