Pescara .Note di solidarietà in carcere.  Domani , domenica 10 Gennaio 2016 tocca al carcere di San Donato per la 22 esima edizione del Festival della Melodia in carcere, dalle ore 16:00 g nella Casa Circondariale di Pescara . Un evento di grande importanza sociale, ma che spesso ha riservato belle novità anche nel campo artistico.
Il Festival è itinerante, la prima tappa si è svolta a marzo 2015, quella di domani sarà la penultima prima della finalissima che si svolgerà il 10 febbraio al Villaggio dei Fiori di Sanremo; dopo Pescara, il 17 gennaio, invece, sarà a Montesilvano, a Palazzo Baldoni.


“Il Festival della Melodia che si svolge dentro la casa circondariale dove artisti abruzzesi e non solo abruzzesi verranno a cantare e verranno giudicati dai detenuti è uno spettacolo speciale per tante ragioni ha affermato l'assessore alle Politiche Sociali Giuliano Diodati E’ un modo importante per dare valore alla musica e alla sua valenza sociale perché si rivolge e coinvolge persone che vivono una condizione di disagio e le fa partecipare alla vita civile della città, dando un segnale di reinserimento che dovrebbe essere la norma in tutti gli istituti penitenziali. E’ poi un evento che gode del patrocinio del Comune di Pescara e della Provincia proprio perché porta nel carcere qualcosa di cui chi vive e sconta la pena ha bisogno”.





“Si conclude con queste ultime tappe la 22esima edizione di una rassegna storica che porta con sé il primato di aver avuto come tappa una casa circondariale – ha commentato Paolo Minnucci organizzatore e da sempre motore dell'evento che ha ospitato anche talenti come Gianluca Ginoble del Volo e Piero Mazzocchetti fra gli altri – Un primato di cui siamo davvero orgogliosi. Sarà una manifestazione bella per il calore che regalano i detenuti in sala e per le emozioni che i cantanti provano ad esibirsi in questo luogo. Il Festival si prepara alla finale che si terrà a Sanremo il 10 febbraio e faremo a Pescara dunque anche una sorta di prova generale di questa kermesse. Non ci saranno giudici professionisti ma persone selezionate fra i detenuti che esprimeranno giudizi e sceglieranno i cantanti della finale. In scaletta ci sono brani editi ed inediti, in sala abbiamo avuto e avremo ospiti speciali, nelle edizioni precedenti per due volte c'è stato lo storico mister biancazzurro Giovanni Galeone, poi ‘Nduccio, il tenore Piero Mazzocchetti, talento cresciuto con il Festival della Melodia. Ci accompagna anche quest'anno Faustino, il principe delle barzellette che fa centinaia di spettacoli per l'Abruzzo e per l'Italia. Chi vincerà la tappa, selezionato dalla giuria individuata fra i detenuti, parteciperà di diritto alla finale sanremese”. 


“Lo spettacolo in carcere è un modo di donare qualcosa direttamente – secondo Fausto Picciani, il Faustino nazionale che dispensa barzellette nei suoi showHo seguito quattro di queste speciali edizioni e le ricordo tutte con grande piacere. Devo ringraziare i detenuti perché hanno un entusiasmo talmente elevato e forte derivante dalla loro condizione che offre un'emozione davvero unica, che nessun’altra piazza ti dà. Una tensione che ti fa capire tante cose ed è benefica, perché porta con sé la consapevolezza di aver dato qualcosa di speciale anche di se stessi durante queste esibizioni. E poi, consentitemelo, può sembrare una battuta ma devo proprio dirlo, le platee sono di tutti i tipi, ci sono quelle misurate, un po’ allergiche a certe battute, ma di fronte a quella del carcere io mi sento totalmente libero di esprimere un repertorio aperto!”“Il Festival della Melodia che si svolge dentro la casa circondariale dove artisti abruzzesi e non solo abruzzesi verranno a cantare e verranno giudicati dai detenuti è uno spettacolo speciale per tante ragioni – dice l’assessore alle Politiche Sociali Giuliano Diodati – E’ un modo importante per dare valore alla musica e alla sua valenza sociale perché si rivolge e coinvolge persone che vivono una condizione di disagio e le fa partecipare alla vita civile della città, dando un segnale di reinserimento che dovrebbe essere la norma in tutti gli istituti penitenziali. E’ poi un evento che gode del patrocinio del Comune di Pescara e della Provincia proprio perché porta nel carcere qualcosa di cui chi vive e sconta la pena ha bisogno”.