In mattinata il neo assessore al Verde urbano Laura Di Pietro ha effettuato un sopralluogo lungo la Riviera nord e sud di Pescara per verificare lo stato delle aiuole e degli alberi lungo il tracciato. Particolare attenzione è stata riposta al tratto che dalla rotonda Paolucci arriva fino al confine con Montesilvano, dove ci sono aiuole fin troppo rigogliose tanto da invadere la pista ciclabile e, di contro, aiuole in preda alla siccità.

“Insieme agli addetti del servizio Verde questa mattina ho effettuato un sopralluogo lungo tutto il lungomare – così l’assessore Laura Di Pietro – Uso la pista ciclabile molto spesso e da frequentatrice avevo già notato come in alcuni punti i rami secchi arrivino ad invadere il tracciato dedicato alle due ruote e il verde fin troppo rigoglioso delle aiuole, posizionate nei pressi della rotonda Paolucci, non renda la vita semplice ai ciclisti. D’altro canto, ci sono invece diverse aiuole secche e aride per il caldo torrido e non solo".

"La realtà - continua l'assessore - è che purtroppo sulle aiuole della Riviera nord insiste un peccato originale, ovvero che quando furono realizzate, non fu realizzato al contempo un sistema di irrigazione adeguato a soddisfare il bisogno d’acqua di aree verdi tanto vaste. Le temperature altissime registrate negli ultimi mesi e l’assenza di piogge, hanno ovviamente aggravato la situazione. Alla luce di tutto ciò, almeno per il mese di agosto, quando la riviera di Pescara diventa la vera cartolina della città, l’idea è quella di unire le forze con i balneatori, chiedendo loro di supportarci nell’irrigazione delle aiuole dove serve. A tale fine invierò una nota alle associazioni di categoria per studiare insieme una soluzione possibile, con l’assicurazione che per il prossimo anno l’amministrazione si impegnerà a reperire le risorse necessarie e troverà le modalità più proficue per risolvere il problema".

"Per quanto riguarda, invece, lo sfalcio delle erbe e la potatura dei rami secchi, entro la fine della settimana gli operai del Comune provvederanno a mettere in sicurezza la pista ciclabile e a restituire decoro alla riviera, mentre la perdita d’acqua rinvenuta stamattina dinnanzi allo stabilimento Orsa Maggiore è già stata riparata. Purtroppo - conclude - da diversi anni non è possibile affidare a ditte esterne la potatura degli alberi e gli operatori del Comune provvedono di giorno in giorno a tamponare le emergenze. In attesa di poter predisporre un piano degli interventi per monitorare tutte le emergenze, metteremo in cantiere strumenti che aiutino le segnalazioni della cittadinanza, in modo da rimodulare gli interventi studiati dai nostri tecnici sulla base di eventuali ed ulteriori criticità”.