Pescara . Metteva una droga narcotizzante nel caffè che offriva a giovani donne, così queste si addormentavano profondamente e lui poteva derubarle di tutto e , in alcuni casi, le palpeggiava anche. Tutto questo succedeva sistematicamente a bordo dei treni Euronight che collegavano l'Austria al Nord Italia.

I fatti risalgono al 2008, ma soltanto ieri sono scattate le manette ai polsi di Domenico Bonafede, 61 enne di origini siciliane, residente a Treviso ma effettivamente ospite della Caritas di Pescara .
Così il malvivente è stato raggiunto dall'ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Trieste ed eseguito dalla Squadra Mobile di Pescara.

L'uomo, che dovrà quindi scontare 3 anni, 8 mesi e 9 giorni di reclusione nel Carcere di San Donato,  si è già consegnato alle autorità .