Per lo Stato era un 63 enne invalido con una pensione di soli 280 euro al mese, invece Giovanni Fusilli era un usuraio spietato.
2500 euro al mese era l'interesse folle imposto ad un imprenditore a cui aveva prestato 20000 euro.
Le richieste di Fusilli erano sempre più pressanti, tanto da costringere l'imprenditore a far firmare alcune cambiali anche alla moglie.

Per un anno la vittima era risuscita a saldare l'interesse, circa 120 mila euro(ben 6 volte la cifra avuta in prestito) ma poi nn ha più retto e ha deciso di denuciare l'usuraio ai Carabinieri.

Oggi Giovanni Fusilli è stato arrestato dai Carabinieri co l'accusa di usura, gli hanno sequestrato 2 automobili e 10 conti correnti di cui 4 intestati a lui e 6 ad alcuni prestanome.
Aveva accumulato un tesoretto di ben 290000 euro, decisamente tanti soldi per un uomo che percepisca 280 euro al mese circa di pensione