Pescara. L'ex Ferrhotel che ospitava i ferrovieri in pensione, sarà finalmente ristrutturato e riqualificato per poter ospitare gli universitari dell' università D'Annunzio, è quanto ha stabilito, a maggioranza, il Connsiglio Comunale di Pescara.
Sindaco e Giunta hanno preso la decisione di approvare la delibera che prevede la riqualificazione dello storico palazzo situato in pieno centro cittadino, da anni abbandonato ed in disuso, in modo da poter dare una risposta concreta agli studenti universitari che da anni chiedono di avere a disposizione alloggi convenzionati.

Pur distante ho seguito i lavori del Consiglio per l’approvazione della delibera pro studentato, perché è un progetto a cui tengo moltissimo – ha sottolineato il sindaco Marco Alessandrini – Un progetto nato dall’intento di riqualificare una zona centrale della città, ma sensibile perché a ridosso di aree, quelle di risulta, che aspettano di trovare una propria definizione da oltre vent’anni e su cui abbiamo intenzione di lavorare perché la città possa fruirne al meglio. La trasformazione in studentato dell’ex Ferrhotel, oggi struttura fatiscente e rischiosa per la pubblica incolumità, dove malgrado ciò si rifugiano disperati e senza fissa dimora che ripetutamente siamo costretti a sgomberare, è una vittoria contro il degrado e a favore della costruzione della Pescara di domani. Abbiamo colto l’occasione di un bando che ci consente di reperire risorse per agire, avverrà attraverso l’Adsu che accenderà i motori di tale rinascita, motori che il Comune metterà a regime creando alla città un’occasione che fino ad oggi non ha ancora avuto. E’ un progetto positivo, che avrà effetti positivi sia dal punto di vista sociale, che culturale, ma soprattutto darà alla popolazione degli studenti, che è una quota importante delle componenti sociali e demografiche che convivono nella nostra città, servizi e risposte concrete attese, che nessuno aveva alimentato prima e, anche queste, attese da tanto tempo.
Voglio chiarire che la proposta è arrivata in Consiglio perché l’ex Ferrhotel faceva parte del piano di alienazione dell’Ente, in modo da usare i ricavi della vendita per la realizzazione di altre opere del Triennale delle Opere Pubbliche ed era quindi importante che il Consiglio, che aveva pochi mesi fa deciso di vendere il bene, oggi venisse chiamato ad esprimersi per individuare una nuova funzione e destinazione dello stesso, che noi riteniamo più confacente alle esigenze della città e della numerosa popolazione studentesca che qui si concentra. Ci dispiace che nonostante questa fondamentale opportunità, l’opposizione, seppur volutamente coinvolta, abbia deciso di non partecipare al voto, preferendo di non mlqasciare traccia su atto di tale importanza”.
 
“La delibera consente di dare una risposta concreta al fabbisogno di alloggi della popolazione universitaria – dice l’assessore al patrimonio Veronica Teodoro – Riqualifica l’offerta che Pescara dà come polo formativo e offre un segnale forte e chiaro anche sulla rigenerazione del patrimonio pubblico comunale, resuscitando uno dei pezzi più importanti posti nel centro della città e in una posizione strategica per il percorso di riqualificazione delle aree di risulta che il Comune ha avviato. Gli studenti saranno interpreti di questa rinascita e sentinelle, con la loro presenza, contro il degrado che incombe sull’area intera a causa della mancanza di iniziative. Il passaggio in Consiglio fa entrare la delibera nella fase operativa che porterà alla partecipazione al bando di prossima pubblicazione che speriamo possa vedere l’aggiudicazione del progetto di riqualificazione dell’ex Ferrhotel, in modo da garantire la riconsegna alla città di uno studentato che si aggiunge alla struttura esistente e che sarà un polo di attrazione capace di alimentare indotto positivo per l’economia cittadina”