Si e' conclusa positivamente la riunione indetta dall'assessore Donato Di Matteo, che tra le altre ha le deleghe all'Ambiente, Territorio e Parchi, e dal consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, con i 22 sindaci della comunita' del Parco Regionale Sirente-Velino.

"Con un proficuo lavoro di concertazione e una positiva apertura al confronto da parte di tutti - comunicano dall'assessorato - si e' discusso delle criticita' e dei punti di forza della nuova riforma dell'Ente". Il tavolo di confronto, allargato anche ai consiglieri regionali Berardinetti, Gerosolimo e Di Nicola, ha visto accolte le istanze e i suggerimenti dei sindaci a proposito della governance e del nuovo ruolo che il governo regionale dovra' assumere nei confronti del Parco.

"E' stata accordata una significativa fiducia all'assessore Di Matteo - proseguono -  il quale ha garantito che nell'organismo di amministrazione verranno rappresentate equamente le tre differenti anime che compongono i 54mila ettari di Parco, la marsicana, la sub-equana e quella che insiste sull'Altopiano delle Rocche, a tutela delle diverse vocazioni dei territori".

L'obiettivo comune e' rendere, dopo 26 anni, il Parco Regionale Sirente-Velino una "vetrina" di alto livello per tutto il territorio regionale, nel rispetto dell'ambiente e delle attivita' produttive espressione dell'intera area. Un disegno comune, che tende a valorizzare la montagna abruzzese nella sua totalita', indiscutibile patrimonio turistico e prevalente motore economico di tutta l'area interna.