In questi giorni Morena compie un anno e sta diventando grande.
"Dal giorno del rilascio in natura, nel Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, non l'abbiamo più vista ma abbiamo continuato a monitorarla a distanza per evitare di comprometterne, con la presenza umana, il lento recupero alla vita selvatica. Una immagine da foto-trappola ce la mostra il 5 gennaio in buona salute e questo ovviamente ci rende tutti più sereni".

Il Personale del Parco Nazionale D'Abruzzo, Lazio e Molise commenta così il primo anno dell' orsa Morena invitando tutti gli appassionati della natura di rispettare tutte le specie animali , anche evitando di avvicinarle, proprio come succede per l'Orsa che deve essere seguita soltanto a distanza.

    "Morena è per noi l'occasione per invitare tutti al massimo rispetto delle regole soprattutto in materia di escursioni fuori sentiero, sci alpinismo e passeggiate con i cani: le femmine stanno partorendo, i giovani cuccioli sono ancora disorientati.
    Dalla loro tranquillità  dipenderà la capacità di diventare adulti. Morena è una grande sfida per biologi della conservazione, operatori del territorio, fotografi, semplici escursionisti; tutti chiamati ad una grande prova di responsabilità e professionalità".