"Il 25 maggio dello scorso anno c'è stata una mobilitazione plebiscitaria: sono andati a votare in 111mila cittadini ed hanno deciso per la fusione dei tre comuni e dunque per la nascita della nuova realtà territoriale".

Questo il commento di Riccardo Mercante, Consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, primo ad aver presentato un progetto di legge sulla "Nuova Pescara": lo scorso anno i cittadini di Pescara, Montesilvano e Spoltore avevano detto 'si' alla fusione e come ha specificato Mercante "Noi del Movimento Cinque Stelle da sempre siamo favorevoli alle espressioni dirette da parte dei cittadini e quindi non potevamo far altro che presentare la nostra proposta di legge".

"Il referendum - prosegue Mercante - è anche il punto cardine sancito dalla nostra Costituzione, la massima espressione di Governo che abbiamo in Italia".

Nessuna presa di posizione netta da parte del Presidente Luciano D'Alfonso e della maggioranza, ieri in Consiglio regionale in merito alla "Nuova Pescara", ma un nuovo rinvio per un ulteriore e maggiore approfondimento; ciò, secondo Mercante, rallenta ulteriormente il processo che vede la nascita di questo nuovo Comune, ma non rappresenta un dato negativo, infatti "il Presidente non può rinnegare gli impegni presi".

Alessandra Renzetti