"Non volevo uccidere Giandomenico Orlando" dopo giorni di silenzio, Giovanni Raffaele Grieco, l'omicida del pasticciere di via Pucini, inizia a parlare della vicenda.
Furioso a causa dei rumori provenienti dal laboratorio, Grieco era arrivato nei pressi della pasticceria di via Pucini, in cerca di Alessio, figlio di Giandomenico, ma una volta intercettato il padre lo ha colpito con quattro coltellate letali prima di fuggire con la propria automobile verso Pineto dove è stato arrestato dopo mezza giornata di latitanza.
Una tragedia annunciata quella di Giandomenico Orlando, erano ben 5 anni che la famiglia Orlando denunciava le minacce di Grieco e le aggressioni di quest'ultimo ai danni del figlio di Giandomenico, Alessio, rimaste inascoltate dalla Procura che ha sempre negato le ordinanze di custodia cautelare chieste dalla Polizia per Grieco.