Lo sciame sismico e le continue scosse di terremoto stanno provocando il distacco di una vasta porzione di roccia. Dopo l'allarme dei Vigili del fuoco, il sindaco D'Alonzo ha ordinato l'evacuazione di cinquanta abitazioni

La parte interessata è quella orientale di Crognaleto (Teramo), nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Il rischio è quello di un incombente crollo di rocce che si stanno staccando da una costa della montagna. 

Le scosse di assestamento a seguito del terremoto del 24 agosto, in totale circa 2.000, hanno fatto sì che i Vigili del fuoco mettessero in guardia sindaco e popolazione. Il sindaco Giuseppe D'Alonzo ha immediatamente attuato un provvedimento di tutela. Così il Comune, nella giornata di ieri, ha organizzato l’evacuazione di mezzo paese, circa 50 abitazioni.


Le dichiarazioni del sindaco:
“La situazione ci era già nota ma questo infinito sciame sismico ha aggravato decisamente la situazione e per mettere in sicurezza i residenti, dopo aver consultato anche il prefetto, ho deciso di evacuare tutta la zona, in pratica oltre mezzo paese”