Si e' svolta i l'assemblea del SIB/Confcommercio, Sindacato Italiano Balneari, nel corso della quale, alla presenza di oltre cinquanta balneatori, sono stati affrontati i temi della modifica del Piano Spiaggia del Comune di Pescara, alla luce delle novita' introdotte dal Pdm Regionale, e dell'inquinamento del mare. All'Assemblea hanno partecipato Maurizio Acerbo e Loredana Di Paola al fine di avere un confronto con i rappresentanti degli ambientalisti. Al termine del dibattito si e' convenuto di continuare assieme la battagia gia' avviata per la balneabilita' del mare, che puo' essere ottenuta solo attraverso il corretto funzionamento dei depuratori e il blocco degli scarichi abusivi nel fiume. Sul Piano Spiaggia di Pescara - fa sapere l'associazione - si sono trovati alcuni punti di contatto sugli accessi all'arenile e sul recupero della vista mare, mentre su altri argomenti ci saranno altri momenti di confronto nell'interesse della bellezza del nostro lungomare. "Questi incontri - commenta il presidente del SIB/Confcommercio Pescara, Riccardo Padovano - sono fondamentali per discutere direttamente senza preconcetti da entrambe le parti e senza le incomprensioni che spesso insorgono quando non ci si confronta viso a viso. Su molti punti noi balneatori siamo i primi a volere il recupero dell'ambiente e un lungomare che sia il biglietto da visita della citta' di Pescara. In questa ottica il Piano Spiaggia va nella giusta direzione - aggiunge Padovano - perche' in diversi passaggi prevede delle premialita' per i concessionari solo qualora gli stessi si adeguino alle nuove norme che vanno nel senso del recupero della vista mare. Ci incontreremo ancora con gli ambientalisti per definire anche quegli aspetti che ancora ci dividono e che invece possono essere condivisi nell'ottica di avere un lungomare sempre piu' caratterizzato da strutture ecocompatibili e all'avanguardia per la salvaguardia ambientale. Piena sintonia invece sulle battaglie da combattere per la balneabilita' del mare: siamo pronti ad azioni forti ed immediate per chiedere con forza di combattere gli scarichi abusivi ed i depuratori inefficenti perche' senza il mare pulito il turismo balneare, che rappresenta per quattro mesi gran parte dell'economia della nostra citta', non ha futuro". Al riguardo l'Assemblea di oggi ha deliberato sul tema dell'inquinamento del mare per il prossimo 15 febbraio una grande manifestazione che coinvolgera' tutte le categorie del turismo e tutte le associazioni ambientaliste che si concludera' presso l'Auditorium di viale Bovio con un momento di confronto con le istituzioni regionali sul tema "Vogliamo il mare pulito".