Il sindaco di Francavilla al Mare Antonio Luciani ha deciso di denunciare l'ACA alla Procura della Repubblica:

"Ora basta. Lavoriamo tutti i giorni per attrarre turismo, e poi il nostro lavoro viene vanificato da persone incompetenti che da tre anni, nel bel mezzo dell’estate, ci provocano danni economici e di immagine incalcolabili per una stazione balneare quale Francavilla al Mare. I turisti che ne sanno che l’Aca non riesce a gestire i depuratori; che sversa in mare provocando divieti di balneazione che, seppure relativi ad una zona, si ripercuotono, con danni di immagine, su tutta la costa" ha dichiarato Antonio Luciani in un lungo comunicato in cui accusa l'ACA di non aver saputo gestire i depuratori e di essere responsabile dell'inquinamento di "fosso Pretaro".

In effetti il Sindaco denuncia di essere venuto a conoscenza dell'inquinamento di Fosso Pretaro dall'ARTA che ha eseguito le analisi e non dall' ACA chegestisce i depuratori.

“Basta: sono stufo – conclude Luciani -"mi vedo costretto a preparare un dossier certosino e denunciare l’Aca presso la Procura della Repubblica competente. Non è più possibile tollerare tali goffaggine, grossolanità, incapacità: è evidente che valori così superiori alla norma indicano una sversamento legato al malfunzionamento di impianti Aca che l’Aca stessa non ci ha mai comunicato anche perché le analisi effettuate solo una settimana fa (il 5 agosto nello specifico) davano parametri entro la norma: delle due l’una, o all’Aca nessuno se ne è accorto o sono in malafede"

Bisogna precisare che le analisi svolte dall'ARTA il 5 agosto scorso erano entro la norma e che per quel motivo nessuno ha apposto divieti di balneazione, tuttavia per dovere di cronaca bisogna ricodare che segnalazioni da parte dei citadini sulla zona del litorale di Pretaro relative a presunti sversamenti in mare della fogna erano state tantissime.