A più di un mese dall'accaduto abbiamo deciso di pubblicare questo articolo. Il testo risale all'8 giugno 2016, vigilia della finale di ritorno contro il Trapani. E' stato deciso di non pubblicarlo in quei giorni per non contribuire a creare un clima che non fa bene allo sport. Anche se il nostro scopo era quello di mettere in risalto la risposta esemplare dei tifosi, abbiamo deciso ugualmente di non dare adito, in un momento così importante e complicato per tutti, a 'sciocchezze' che non stavano ne in cielo ne in terra. Ad oggi è tutto passato e crediamo sia arrivato il momento di mettere in risalto una lezione di civiltà che possa essere di monito a tutti noi. Una storia da ricordare e raccontare di come si possa andare oltre mettendo prima di tutto il buon senso e non l'odio. Tutto questo è stato possibile solamente grazie ai nostri tifosi e quelli del Trapani.


**********************************************************

PESCARA 8 giugno 2016 - Nella giornata di ieri si sono susseguite notizie su Facebook, senza nessun fondamento, in merito a delle presunte minacce da parte della tifoseria trapanese nei confronti dei giocatori del Pescara Calcio. In un primo momento, giustamente qualora fosse stata veritiera la notizia, la tifoseria pescarese non l'ha presa molto bene ma nel giro di poco tempo si è capito che si trattava di una bufala. Tutto fumo, una bufala clamorosa, tanto da distogliere l'attenzione dalla notizia al quotidiano online che l'ha pubblicata. In molti lo hanno etichettato come "giornaletto online" oppure "acchiappa click". Come dargli torto? Hanno pubblicato dei virgolettati del tipo "Non faccio giocare la squadra" attribuendoli a Sebastiani, presidente del Delfino Pescara. Gravissimo quanto le presunte minacce dal cibo contaminato ai possibili disturbi all'hotel che ospiterà il Pescara Calcio. 
Aggiungiamo solo una piccola considerazione. Il quotidiano online di cui si parla non è proprio l'ultimo degli arrivati facendo parte di un network (Tutto Mercato Web) che è uno dei più seguiti in Italia. Network, tra l'altro, molto vicino ad Alfredo Pedullà, che il giorno prima aveva pubblicato una notizia sul suo sito con il titolo: Memushaj a Trapani ci sarà, il Pescara ringrazia l'Albania. Peccato, però, che il comunicato di ringraziamento del Pescara Calcio nei confronti dell'Albania si riferiva alla partita di andata. Tra tutti l'articolo più grave è sicuramente quello di Corrado Zunino, giornalista de La Repubblica. Nonostante le dichiarazioni di Sebastiani e del ds del Trapani Calcio, Faggiano, che hanno smontato immediatamente la polemica, si è permesso di scrivere un articolo sulla falsa riga di quello incriminato, cavalcando una bufala. 

Perché fare tutto questo? Perché, in quella che le società insieme ai tifosi hanno ribattezzato una #FestaDelloSport, creare dei dissidi tra 2 società e 2 tifoserie che problemi tra di loro non ne hanno mai avuti? Vogliamo pensare che sia stato un problema convulsivo e di smania da notizia, altrimenti qualsiasi altra cosa sarebbe troppo grave. Purtroppo conosciamo tutti la situazione dell'editoria italiana. Ma non vogliamo dargli adito quanto sottolineare la risposta dei tifosi. Non era assolutamente semplice ricomporre il puzzle, ma le 2 tifoserie si sono dimostrate al di sopra di ogni disguido, superiori ad ogni tipo di errore/orrore. Ovviamente non si può avere l'unanimità dei consensi, qualcuno si è fatto prendere dal momento, ma la stragrande maggioranza dei tifosi hanno capito la situazione cercando di mettere loro stessi la parola fine a futili polemiche. Abbiamo selezionato qualche commento in merito.

Paolo Palmitesta, Lorenzo Morelli, Mauro Pomante hanno scritto sulla pagina ufficiale Facebook del Trapani Calcio:

"Buonasera, sono un tifoso del pescara, scusate se mi intrometto, ma solo per complimentarvi con il Ds Faggiano. Sul cibo contaminato sono convinto del contrario, da voi pesce fresco, dolci ecc...sono il TOP. spero che i ns giocatori nn ne abusino prima della gara....i tifosi del trapani a pescara sono stati trattati benissimo (in tribuna era atmosfera quasi da gemellaggio). Credo che il mister Cosmi, che conosciamo bene, incazzato a fine gara abbia detto qualcosa di troppo a ODDO, il che ha suscitato qualche perplessità...chiedete a Serse... Credo inoltre che lo stesso cosmi abbia esasperato troppo i vs calciatori, li ho visti troppo tesi o nervosi e li ha condizionati durante la gara (vedi Scozzarella, da voi giustamente perdonato, io lo prenderei subito per il prox anno). Purtroppo per motivi familiari ed economici (300 euro ci pago il nido a mia figlia...) non posso venire, aimè. Spero di fare un salto da voi al più presto per fare qualche immersione nel Vs mare. IO AMO LA MIA SQUADRA, MA PREFERIREI 1000 VOLTE AVERE IL VS MARE, buon bagno, voi che ve lo potete fare..."

"Sono un tifoso del Pescara: non dovreste neppure perdere tempo a smentire quelle che sono illazioni gratuite di qualche mio provincialissimo concittadino. 
A Pescara siete stati civilissimi e mi sembra che perlopiù anche la tifoseria di casa lo sia stata. Su facebook non ho mai letto un commento offensivo gratuito da parte di un trapanese, a differenza delle altre tifoserie. La mia città non si identifica con quei quattro minus habentes che attraverso una grata hanno voluto dare ulteriore prova del fatto che il suffragio universale andrebbe rimesso in discussione.
La vostra è una terra magnifica (ad averlo il vostro mare!) testimone di una cultura millenaria (nella magna grecia è nata la filosofia occidentale!) e i siciliani sono generalmente persone squisite, calorosi e allegri come lo sono i meridionali senza però essere invadenti. Per la mia personale esperienza, poi, siciliani e abruzzesi vanno molto d'accordo. Quelli che offendono sono un'esigua minoranza: Pescara non ha alcun rancore o pregiudizio verso Trapani."

"Da Pescarese credo che il vostro comportamento sia stato esemplare!! Il calcio è bello anche e soprattutto così "


La risposta dei tifosi del Trapani, Carmelo Giannone, Luca Marini, Alberto Alogna, Fiorino Giovanna, è stata:

"Il calcio vero deve unirci ....mai dividere che vinca la migliore!!!"

"Da noi son tutti i benvenuti a prescindere dalla fede calcistica e quei presunti timori non ci sono mai stati. Semmai l'unico vostro timore potrebbe essere la remuntada"

"La polizia a Pescara mentre salivamo sui pulman ci ha detto mai viste persone come voi siete uniche alla faccia di chi parla male di voi"

"A Trapani nn abbiamo mai sbagliato niente...allo stadio ci vanno le famiglie con i bambini piccoli e ci teniamo noi tifosi a trasmettere valori ai nostri figli....ci vanno gli anziani tranquillamente e tutto questo succede in tribuna, gradinata e udite udite in curva!!! Il tifoso trapanese nn è un delinquente siamo solo e ripeto solo innamorati della nostra squadra e questo tifo SANO viene tramandato da generazione in generazione! Non ci meritiamo voci di corridoi simili. IL TIFOSO TRAPANESE È SOLAMENTE TIFOSO NN È UN DELINQUENTE!!!! X noi andare allo stadio è una festa!!!!"

Ma vi assicuriamo che di questi messaggi, con questo stile, ce ne sono a centinaia. Una lezione di civiltà da parte dei tifosi pescaresi e trapanesi. #Chapeau #FestaDelloSport

**********************************************************

Continua al 15 luglio 2016..

Vogliamo aggiungerci il comportamento di entrambe le tifoserie durante e dopo la partita. Il gesto di mister Oddo nei confronti di Serse Cosmi?
E il terzo tempo che ci hanno regalato le 2 tifoserie durante gli europei?

O forse sarebbe il caso di non aggiungere altro?!



F.D.T.