Si parte con il convegno organizzato per sabato 21 novembre, “Alberi Monumentali tra arte e natura” che si svolgerà alle 9,30 presso la Sala Tosti dell’Aurum e si concluderà il 28 con la piantumazione di nuovi esemplari in alcune aree verdi cittadine.

Oggi la conferenza di presentazione con gli assessori al Verde Pubblico e alla Qualità Ambientale Laura Di Pietro e Paola Marchegiani e il paesaggista Alberto Colazzilli.

 

“Gli alberi monumentali nella città e nell'arte sarà il tema cardine della giornata che coincide con la Festa Nazionale dell’Albero – annuncia Alberto Colazzilli - Pescara ha fatto un'azione di tutela sugli esemplari che ospita, ce ne sono diversi, di cui parleremo durante il convegno che si occuperà di quelli protetti e delle piante da proteggere, illustrandone la storia e il riflesso nell’arte, perché le scuole presenti al convegno possano conoscerli meglio grazie anche alla presenza dello storico d’arte Giovanni Benedicenti. Sulla locandina abbiamo messo il pino coricato che si trova al Parco dell'ex Caserma di Cocco perché è un esempio di vera e propria “resilienza”, quell’esemplare si è adeguato alle condizioni ambientali e meteorologiche e ha assunto una forma che lo ha reso speciale, facendolo divenire luogo di numerosi eventi. Un albero monumentale è come una cattedrale verde che ha una sacralità per l'aspetto artistico e crea aggregazione per la popolazione. Pescara ne ospita diversi, fra i più famosi una magnolia a Porta Nuova, il glicine del centro, la tamerice all'ingresso del Flaiano che è monumento regionale, il pioppo bianco di viale Bovio, il gelso di via Monte grappa, piante che ci appartengono e dovremmo conoscere meglio”.

 

L'estensione della Festa a una settimana è legata all'importanza che vogliamo dare a una nuova cultura dell'albero – aggiunge l’assessore alla Qualità Ambientale Paola Marchegiani - perché gli alberi sono stati sacrificati spesso in questa città. Va recuperata la cultura di attenzione dell'albero e il suo valore nell’ambito del paesaggio, perché gli alberi sono anche un patrimonio culturale: intorno agli alberi sono nati i miti e i bambini in questa settimana potranno argomentare sulla cultura di cui sono portatori, oltre che sull’eccezionale valore ambientale che essi hanno”.

 

“Si continuerà fino al 28 novembre, chiudendo con delle piantumazioni la settimana dell'albero – sottolinea l’assessore al Verde Pubblico Laura Di Pietro - Dal 21 al 28 novembre raccoglieremo le donazioni di alberi che vivai e associazioni vorranno fare al Comune di Pescara. Abbiamo contattato tutti, siamo in attesa dei riscontri, intanto la Forestale ha già dato l'assenso a donarci 5 esemplari di pino domestico che metteremo a dimora il pomeriggio di sabato 28 novembre per chiudere la Festa. La giornata del 28 comincia però al Villa de Riseis alle 10,30, lì collocheremo altri esemplari e grazie alla presenza delle scolaresche che si trovano nel vicinato faremo vivere un incontro speciale ai bambini. Nel parco ci saranno gli operatori della Società Italiana Arboricoltura che si esibiranno nella potatura acrobatica degli esemplari del parco e in alcuni esperimenti di “tree climbing” aperti anche ai bambini. Nel pomeriggio, alle 16, infine, nel parco della parrocchia di Santo Stefano in via Monte Bove con il gruppo scout che ha adottato l’area verde dal 2008, pianteremo i 5 pini domestici della Forestale per concludere in bellezza la Festa”.