Sono stati ritrovati in serata, sani e salvi, i due escursionisti, un uomo e una donna, che ieri pomeriggio avevano lanciato l'allarme dal Corno Grande dicendo di essere in difficoltà e di avere il cellulare scarico.

Gli uomini delle squadre del Cnsas, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, partiti da Teramo e dall'Aquila, li hanno rintracciati dopo tre ore di cammino in località Val Maone, nei pressi della Grotta dell'Oro, circa mille metri al di sotto della quota da cui era arrivato l'allarme.

Sul Gran Sasso, per tutto il pomeriggio, hanno imperversato fulmini e grandine, dopo poco anche a nevicare, dunque si temeva per l'incolumità dei due escursionisti.