Va in scena la tredicesima giornata del campionato di serie B dove si affrontano Como e Pescara. Prima delle partite suona in tutti gli stadi l'inno della Marsigliese e si osserva un minuto di silenzio per ricordare le vittime dei tremendi attentati che hanno colpito Parigi venerdì notte.
Moduli speculari, entrambe le squadre adottano il 4-3-1-2. Ancora una volta Cocco è in panchina. Nemmeno il tempo di iniziare per sbloccare il risultato, Selasi dalla fascia serve in area Lapadula che come sempre è letale: arriva prima di tutti sul pallone e firma lo 0 a 1. Il Como non ci sta e al 12' si rende molto pericoloso da calcio d'angolo: svetta Ebagua ma a negargli il pareggio trova Campagnato che sulla linea riesce a salvare porta e risultato. Ancora un minuto dopo è sempre di Ebagua l'iniziativa, questa volta l'attaccante si trova a tu per tu con Fiorillo ma è il numero uno biancazzurro a vincere il duello chiudendo la porta in faccia alla punta. Il Delfino si fa rivedere in attacco al minuto 20 con uno spunto di Lapadula che però viene fermato fallosamente da Borghese, il 25 del Como disinteressato del pallone va direttamente sull'attaccante rimediando l'ammonizione. Solo sei minuti dopo arriva una clamorosa occasione per i padroni di casa: sugli sviluppi di un'azione, Sbaffo conclude a tre metri dalla porta ma ancora una volta Fiorillo è insuperabile e nega il pareggio. La prima sostituzione arriva alla mezz'ora, esce Borghese entra Cassetti. Ad un minuto dalla fine della prima frazione arriva il raddoppio, ancora una volta firmato Lapadula: Crescenzi batte il corner trovando il 10 biancazzurro sul secondo palo, la punta trafigge Crispino con destro a incrociare e oltre a siglare la doppietta mette il suo nome in cima alla classifica dei marcatori di serie B affianco al livornese Vantaggiato. Squadre negli spogliatoi con il tabellone che segna 0 a 2. Al 51' esce Sbaffo per far spazio a Gerardi. Al minuto 58 arriva l'unica “macchia”, se cosi si vuol definire, sulla prestazione di un impeccabile Fiorillo: il portiere rimedia un giallo perchè perde tempo nel rimettere in gioco il pallone. Tre minuti dopo anche Oddo opera una sostizuzione: dentro Bruno fuori Benali. Poco dopo il pericolo arriva da palla inattiva, ma Fiorillo è un muro impenetrabile, una vera sicurezza per gli abruzzesi e mantiene inviolata la sua rete e si ripete ancora due minuti più tardi facendo ancora un miracolo. Nel frattempo viene ammonito Cassetti. Al 66' termina la splendida prestazione di Campagnaro, che viene rilevato da Fiammozzi. Al 70' ammonizione anche per Selasi. Due minuti dopo arriva l'ennesimo miracolo di Fiorillo, una prestazione a dir poco perfetta per il portiere biancazzurro. Al 75' ancora il Como in avanti ma questa volta al posto di Fiorillo c'è il palo a fermare i padroni di casa. Gli ultimi appunti di questa gara sono due sostituzioni una per parte: nelle file del Como esce Madonna per Bentivegna e per il Delfino esce Torreira per Bulevardi. Si conclude così l'incontro che porta il Pescara in quinta posizione insieme al Livorno. Un appunto speciale va al numero 1 del Pescara che è stato davvero insuperabile, non c'è stado modo di batterlo e ha contribuito, in maniera determinante, alla vittoria del Delfino.

 

 

 

 

 

Augusto Bucciarelli