Piove allo stadio Adriatico di Pescara dove va in scena l'infrasettimanale della 38a giornata del campionato di serie B. Si affrontano il Delfino di Baroni e la Pro Vercelli di Scazzola, dirige il signor Sacchi di Macerata. Baroni opta per il 4-2-3-1, modulo adottato in precedenza contro il Modena, con Fiorillo tra pali, Pucino e Zampano terzini, Fornasier e Salamon centrali, Memushaj e Zuparic mediani, Politano Bjarnason e Caprari alle spalle di Sansovini unica punta.Scazzola risponde con il 4-3-3 che vede Russo in porta, Germano Cosenza Bani e Liviero in difesa, Ardizzone Musacci e Castiglia a centrocampo, Luppi Bonino e Belloni in attacco. La partita si accende all'11' con il gol di Caprari che, da lunga distanza, effettua un tiro che rimbalza sul manto due volte prima di infilarsi alle spalle di un Russo tutt'altro che incopevole. Al 17' cross di Zampano nell'area avversaria, la respinta della difesa è corta e favorisce l'inserimento di Bjarnason che però fallisce il raddoppio da distanza ravvicinata. Al minuto 29 si fa vedere timidamente in avanti la Pro Vercelli con una rovesciata da fuori di Castiglia ma il tiro termina alto sopra la traversa. Al 37' Politano al limite dell'area apre per Caprari,che entra in area conclude a rete ma il tiro viene deviato in corner. L'ultima emozione del primo tempo è l'ammonizione a Caprari per una trattenuta su Germano al 38'. Nella ripresa le squadre sono invariate. Al 58' viene ammonito Bunino per un'entrata in scivolata da dietro ai danni di Salamon. Al 64' Bjarnason tira di testa ma il pallone finisce fuori, nel frattempo entrambe le squadre apportano modifiche:per la Pro Vercelli entra Sprocato al posto di Belloni e per il Pescara Pasquato rileva Caprari. Nel giro di tre minuti ci sono tre cambi: al 70' entra Beretta per Castiglia al 71' esce Bunino per Emmanuello e un minuto dopo entra Melchiorri al posto di Sansovini. Alla mezz'ora della ripresa ancora il Pescara in aventi: stavolta è Zuparic a concludere,da poco fuori dall'area, ma il tiro è alto sopra la traversa. Al 83' spunto di Pasquato che crossa per Bjarnason, l'islandese riesce a staccare ma il tiro è debole e Russo blocca. Un minuto dopo è la Pro Vercelli a prendere l'iniziativa, Luppi dalla fascia serve Emmanuello il quale continua per Ardizzone che batte a rete da distanza ravvicinata ma Fiorillo para. A quattro minuti dalla fine altro brivido per gli ospiti: Russo è troppo superficiale su un retropassaggio, tiene la palla al posto che rinviare di prima intenzione e per un soffio non ne approfitta Pasquato che stava per portar via palla all'estremo difensore ospite. Al 43' ammonito anche Fornasier e un minuto dopo esce Politano per Pettinari.Si conclude la partita che porta il Pescara in quinta posizione. I play off sono solo a quattro giornate di distanza e il Delfino ha tutti gli strumenti per puntare alla sua quarta promozione in serie A, adesso la squadra l'allenatore e i tifosi sono già proiettati alla prossima partita contro l'Avellino.


Augusto Bucciarelli