Va in scena l'nfrasettimanale della 29a giornata del campionato di serie B tra Pescara e Trapani.

Passano solo cinque minuti e il Delfino si rende già pericoloso con Caprari che, dal limite, libera un tiro insidioso deviato in corner. Ancora Pescara in avanti questa volta su contropiede propiziato da Caprari, con Lapadula che conclude a botta sicura a portiere battuto, ma Pagliarulo effettua un vero e proprio miracolo sulla linea di porta. Al quarto d'ora arriva il vantaggio del Trapani: dopo la parata di Fiorillo, il più veloce di tutti ad avventarsi sul pallone è Citro che sblocca il risultato e lo porta sull'1 a 0. Nel successivo quarto d'ora Delfino tenta una timida reazione ma le maglie della difesa siciliana sono ben strette. Al 28' ci prova Mandragora dal limite ma Nicolas blocca il tiro insidioso del centrocampista juventino. In questo frangente di partita il Trapani è arroccato nella sua area di rigore. Ancora Pescara in avanti al 31': Lapadula conclude da fuori ma è troppo frettoloso nel farlo in quanto poteva tranquillamente guadagnare metri prima di concludere, e finisce con un nulla di fatto. Al 33' clamoroso goal annullato al Trapani causa fuori gioco di Petkovic, in ogni caso la difesa biancazzurra concede davvero troppo agli avversari. Tre minuti dopo ancora un altra occasione per il Trapani con un errore di Bruno che si dimentica del suo marcatore. Apnea degli abruzzesi in questo frangente. Il pubblico dell'Adriatico rumoreggia sia per l'attacco degli ospiti sia per le occasione sciupate dai padroni di casa. Ammonito Nizzetto per un intervento scomposto su Caprari ad un metro dall'area di rigore al minuto quarantaquattro. Si chiude un primo tempo sofferto per il Delfino che, nonostante i sette calci d'angolo battuti non riesce a concretizzare. Vantaggio meritato da parte del Trapani che crea occasioni e buca spesso una difesa troppo permissiva. La seconda frazione di gioco è all'insegna dei padroni di casa, il Delfino attacca ma non trova il goal nei primi minuti del secondo tempo. 56' arriva il primo cartellino giallo per il Delfino ai danni di Fornasier. Il Trapani difesnde il risultato con le unghie e con i denti addirittura difendono anche gli attaccanti siciliani, ma adesso è il Pescara a fare la partita cercando un gol che sembra non arrivare mai. Oddo opera la prima sostituzione per tentare di dare una svolta alla partita: fuori Verde, dopo una prestazione non bellissima, per far spazio a Mitrita. Pochi minuti dopo la risposta di Serse Cosmi è l'ingresso di De Cenco al posto di Citro, poi ancora Oddo sostituisce Benali con Acosta e siamo al minuto sessantacinque. Oddo tenta il tutto per tutto inserendo anche Cappelluzzo, andato in goal tre giorni fa, al posto di Caprari al minuto settantacinque. Non cambia niente nel risultato e nemmeno nel gioco, il Delfino e tutto in avanti ma il Trapani si difendo molto bene. Cosmi effetua la sua ultima sostituzione: all'80' entra Ciaramitaro al posto di Coronado. Fiorillo a pochi minuti dalla fine salva sulla linea di porta il tracollo dei biancazzurri: De Cenco, dopo un contropiede, entra in area e batte a rete trovando però il numero 1 abruzzese a negargli il goal. All'85' il Pescara con la forza della disperazione è tutto in avanti ma il Trapani continua a stringere la maglie della difesa, in questo frangente viene ammonito Nicolas per l'eccessiva perdita di tempo nel rimettere il pallone in gioco. A tre minuti dalla fine arriva la notizia che i tifosi di casa non avrebbero mai voluto sentire...viene ammonito Gianluca Lapadula che, diffidato, salterà la trasferta di Vercelli. E finalmente ad un minuto dalla fine, sugli sviluppi di un calcio d'angolo arriva il pareggio firmato Fornasier, di testa riesce ad indirizzare la sfera all'angolino basso. Il direttore di gara assegna cinque minuti di recupero. Non basta il pari al Delfino che vuole di più, ci prova con Mandragora che sfiora il palo. Il Trapani ad un minuto dalla fine trova il goal della vittoria con Eramo: per l'ennesima volta la difesa casalinga è stata bucata in malomodo e paga la carenza di concentrazione con un gol che decreta la sconfitta dei biancazzurri in casa. Serse Cosmi ed il suo Trapani espugnano così lo stadio Adriatico. Mister Oddo voleva di più dai suoi ragazzi e aveva ottime ragioni per chiederlo, ma il campo decreta la vittoria del Trapani. E, come se non bastasse, il Pescara dovrà affrontare la trasferta di Vercelli senza il super bomber Lapadula, squalificato.

 

 

 

 

 

 

Augusto Bucciarelli