E' agli arresti domiciliari nella sua residenza a Francavilla al Mare, Daniele Delli Carri, ex direttore sportivo del Pescara della promozione in A, del Genoa e del Catania, coinvolto nel nuovo filone d'inchiesta della Digos di Catania, coadiuvata dalla Digos di Roma, Chieti e Campobasso e dalla Polizia Postale, denominata "i treni del gol" .

Insieme a Delli Carri, sono finiti nell'occhio del ciclone anche il presidente del Catania Antonio Pulvirenti e l'amministratore delegato del Catania Pablo Cosentino; secondo gli inquirenti compravano le partite di calcio del Catania per evitare la retrocessione.

Oltre alla dirigenza della squadra etnea, sono finite in manette altre quattro persone: Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzi e Fernando Arbotti, tutti procuratori e agenti di scommesse sportive con l'accusa di frode sportiva e truffa, in quanto avrebbero pagato somme di denaro per condizionare i risultati del Catania.