Si è conclusa anche l’edizione 2015 di “Cantine Aperte”.

L’appuntamento immancabile con il vino abruzzese, orgoglio della regione, è stato promosso dal Movimento Turismo del Vino e in Abruzzo è giunto alla sua 20esima edizione, 23esima in Italia.

Quest’anno complice la festa del 2 giugno, l’evento si è protratto per quattro giorno ed ha registrato un’ampia partecipazione malgrado le calde temperature da mare.

Protagoniste alcune delle più note cantine di Teramo, Pescara, Chieti (in tutto 41), che hanno aderito alla ‘festa del vino’ aprendo le porte delle loro cantine ai visitatori di tutta Italia, interessati non soltanto all’assaggio dei prodotti, ma anche alla storia del vino che rende noto l’Abruzzo in tutto il mondo.

Una vera e propria realtà enogastronomica, quella vissuta negli scorsi quattro giorni dalla regione abruzzese: gli amanti della buona cucina, infatti, hanno avuto la possibilità di consumare il vino al prezzo di un solo calice da 5 euro, accompagnandolo a cibi tipicamente locali, per lo più prodotti dalle cucine delle aziende scelte.

Ad allietare lo spirito, in alcuni casi, non è mancata musica dal vivo o l’incontro diretto con la campagna che ha visto nascere il prodotto protagonista di un evento che ogni anno attira sempre più visitatori e sta entrando nel guinness dei primati per la partecipazione di visitatori.