Sono stati presentati stamane presso la Sala Giunta alcuni aspetti della 50° edizione della Festa di Sant’Andrea che inizierà da domani e fino a lunedì coinvolgendo tutta la marineria pescarese.

Edizione speciale, quella dei 50 lustri della storica festa che lega l’identità di Pescara al mare che vedrà domani la presentazione di un doppio anniversario, quello della Festa e quello dei 150° delle Capitanerie di Porto. Processione su un mezzo speciale, mobilità nuova e Museo del Mare aperto fino a tardi, questo è quanto emerso nella conferenza stampa a cui oltre al sindaco Marco Alessandrini e agli assessori Enzo Del Vecchio, Paola Marchegiani e Giacomo Cuzzi, per il Comitato Feste erano presenti: il consigliere Riccardo Padovano, Massimo Di Francesco, Elio e Giuliano Maione e Massimo Camplone.

 

“Lo scorso anno impegni istituzionali mi hanno impedito di partecipare alla porocessione in mare – così il sindaco Marco Alessandrini – ero a Mostar. Assenza che mi è dispiaciuta non poco perché da sempre vivo la festa di Sant’Andrea come uno dei momenti in cui è forte e sentita l’identità marittima della nostra città. Quest’anno non mancherò a questa edizione particolare che è quella del 50esimo, salutata anche dall’ingresso di un nuovo motopeschereccio che sarà battezzato con il trasporto del Santo. L’invito è a partecipare e a rinnovarne il valore che mette insieme storia, identità, tradizione e anche enogastronomia tipica della nostra città di mare”.

 

“La festa appartiene a tutti, perché la maggioranza del comitato è rappresentata da gente di entrambe le marinerie, quella nord e sud – precisa Riccardo Padovano – Gli eventi riguarderanno entrambe le banchine e culmineranno con la processione in mare di domenica con il suo rituale. La statua salirà a bordo del motopesca Aldo, l’ultima imbarcazione aggiuntasi alla flotta e verrà seguito dalla motopesca Riviera che porterà la banda. Venerdì sarà una giornata più dedicata alle marinerie, sabato mattina cominceranno le cerimonie e dalle 17 si aprirà anche il lato enogastronomico che come da tradizione sarà di mare, ma non mancheranno anche altri prodotti tipici dal territorio regionale e da fuori regione. Domenica mattina la processione a terra e in mare e poi la festa entrerà nel vivo con due momenti di spettacolo all’Arena del Mare e presso il Mercato Ittico. Quest’anno c’è anche il teatro con la compagnia teatrale “Il Girasole” che al Mercato Ittico farà delle divertenti parodie. Spettacolari saranno anche i fuochi che quest'anno saranno più lunghi per celebrare i 50 anni, saranno a cura della Fireflash di Picciano. Per lo spettacolo, la chiusura è con Dik Dik”.

 

“Fra le novità c’è anche una mobilità più agevole, perché gli stand saranno solo sul lato mare – annuncia il vice sindaco Enzo Del Vecchio – si prolungheranno verso nord, visto che abbiamo fatto in modo che davanti all'ex Fea, all'entrata, si possa mettere un’altra fila per non penalizzare il Comitato e non creare disagi ai residenti che hanno necessità di rientrare, così sarà anche per il marciapiede lato mare dopo l'ultimo stabilimento. Il lato monte, dunque, sarà completamente libero. Quanto alle giostre che occupano il lungofiume, anche lì per evitare interferenze con la strettoia causata dal cantiere del Ponte del Mare e lasciare libere le piste ciclabili abbiamo stabilito il senso unico di percorrenza a monte, subito dopo via Spalti del re, inibiremo il traffico dalla rotonda verso via Spalti del Re già da domani e per 4 giornate il lungofiume sarà direzione monti-mare. Novità è poi la passeggiata sul molo: durante la Notte bianca c'è stata l'intuizione di rendere fruibili i trabocchi come luogo enogastronomico, ci riproveremo, perché la novità è piaciuta moltissimo”.

 

“Museo del Mare gratuito tutti e quattro i giorni di festa e orari prolungati da sabato 25 – annuncia l’assessora al Patrimonio Culturale Paola Marchegiani – Lo facciamo perché è una festa speciale e anche per favorire la valorizzazione della struttura che merita di essere visitata. Dunque orari dalle 16 alle 20,30 fino a venerdì compreso e da sabato a lunedì apertura fino alle 22,30 con visite guidate dirette da direttore Vincenzo Olivieri e dai volontari del Centro studi cetacei e delle associazioni che collaborano con l’Amministrazione”.