Mario Ferri 28 anni di Pescara, chiamato "falco" per via della passione per le invasioni dei campi di calcio, ha voluto denunciare la scarsa sicurezza nei tribunali entrando nel Palazzo di Giustizia di Pescara armato di una scacciacani (replica identica di una Beretta) .
La "bravata" documentata in un video, che lo stesso falco ha diffuso, gli è costata una perquisizione, il sequestro della scacciacani e del telefonino con cui ha girato il video, e una denuncia per procurato allarme ed evasione, essendo Ferri gia agli arresti domiciliari per precedenti relativi alle invasioni di campo durante i mondiali di calcio.

A pochi giorni dalla strage avvenuta nel tribunale di Milano il giovane pescarese ha vagato nei corridoi del tribunale di pescara con la pistola in pugno (a salve) e senza essere mai fermato è entrato in diversi uffici vuoti e incustoditi, "Avete capito perchè accadono le stragi?" dichiara Ferri nel video.