IL PIACERE DI STARE INSIEME VICINO AL CAMINO

Moscufo...premetto che non ci sono mai andata ma il mio compagno si ed è tornato cambiato, lì, vicino ad un camino, prima che ci incontrassimo e ci innamorassimo ha assaggiato un dolce che ho  sentito definire, lussurioso se non addirittura arrapante.
Qualcuno mi ha detto che se questo dolce fosse una persona potrebbe sposarlo senza pensarci, perchè è la quinta essenza dell'amore, specialmente se accompagnato con un bel bicchierino di rum davanti ad un camino scoppiettante. Forse sarà stata questa esperienza ad aver segnato in modo imperituro il mio compagno.

Dovete sapere che ogni anno cerco di limitare la mia corsa ai regali facendoli con le mie mani perchè credo che non ci sia niente di più alto valore da regalare se non il tempo. Si, avete capito, tutti gli anni mi rinchiudo in cucina e preparo ogni volta un dolce difficile e complicato adatto al palato di chi lo mangerà, lo adagio su piatti decorati, quasi sempre da me, e confeziono con cura.
Quando è tutto perfetto comincio i miei giri, facendo delle lunghe visite a tutti i miei amici e parenti, basta il pensiero e la sensazione di averci messo il cuore e vedrete che ogni vostro sforzo verrà ripagato.

Quest'anno il mio compagno mi ha convinto a preparare decine di questo dolce...”IL PIACERE” e devo dire che ricreando tutte le condizioni su descritte ha avuto un effetto strabiliante su chiunque lo abbia assaggiato. Vi lascio questa ricetta di pura poesia  per augurare a tutti voi un felice e dolcissimo Natale.

“IL PIACERE”
Ingredienti per 2 stampi da 22cm di diametro

Per la pasta frolla
300g farina
150g burro
120g zucchero
8g lievito in polvere
2 uova
semi di vaniglia

Per la crema gianduia
200g nocciole tostate
200g zucchero semolato
200g cioccolato fondente grattugiato
140g burro
140g latte fresco intero

Per il pan di spagna
3 uova
100g zucchero
50g mandorle tostate in polvere
40g fecola di patate
25g farina 00
15g burro fuso
mezza bacca di vaniglia

per la finitura
granella di nocciole
zucchero al velo

Preparazione:

Cominciamo con l'elemento indispensabile del nostro dolce visto che richiede 24 ore di riposo, ossia la crema gianduia:

Frullate le nocciole con lo zucchero finche non rilasciano i loro olii, a parte fondete il cioccolato, a fuoco spento aggiungete il burro in crema il latte e le nocciole tritate, mescolate bene e quando tutto sarà ammalgamato rimettete sul fuoco a fiamma bassissima, la crema non dovrà bollire ma solo scaldarsi affinchè addensi un poco, cuocerà il 8-10 minuti. A fine cottura risulterà ancora molto liquida, non preoccupatevi, raffreddandosi raggiungerà la consistenza desiderata. Lasciatela riposare 24 ore in un posto asciutto e fresco.
Il giorno dopo potremo procedere con la preparazione vera e propria.

Cominciamo con il preparare la pasta frolla:
su di una spianatoia ammalgamiamo molto velocemente tutti gli ingredienti e copriamo con una pellicola, lasciamo riposare in frigo per un paio di ore.
Impieghiamo questo tempo per pulire la cucina, scaldare il forno e preparare il composto per pan di spagna:
montate le uova con lo zucchero finchè non saranno belle gonfie, unite delicatamente la farina, , la fecola e la vaniglia. Quando tutti gli elementi secchi saranno incorporati aggiungete il burro fuso e le mandorle.

Ora possiamo assemblare il nostro dolce:

stendiamo la pasta frolla di uno spessore di 5-6 mm e foderiamo una teglia precedentemente imburrata ed infarinata, procediamo con uno strato di crema gianduia e versiamo sopra il composto di pandi spagna sul quale cospargeremo un po di granella di nocciole. L'assemblaggio dovrà essere veloce per evitare che i composti si scaldino troppo e si smontino. Ponete in forno a 180° per 45 minuti. A fine cottura  spolverate con zucchero al velo.

PER NON SPRECARE
Se dovesse avanzarvi un po di crema gianduia scaldatela un po sul fuoco, aggiungete un poco di latte, così da risultare meno densa, e mettetela in barattoli precedentemente lavati e sterilizzati. Sarà un ottima alternativa alle creme spalmabili. Decorando i vasetti con un pezzetto di stoffa sul tappo e una bella etichetta sarà un bel regalo per grandi e piccini.